Processo Iblis, chiesti 355 anni di carcere per 23 imputati

Le pene più severe sono state chieste per il boss di Ramacca, Rosario Di Dio (26 anni e 8 mesi) e per il presunto capomafia Pasquale Oliva (28 anni). Diciassette anni sono stati chiesti per l'ex deputato regionale Fausto Fagone

I sostituti procuratori distrettuali di Catania Antonino Fanara e Agata Santonocito, hanno chiesto 355 anni di carcere per i ventitrè indagati del processo "Iblis" che si sta celebrando con il rito ordinario e che giudica politici assieme a boss e gregari della famiglia catanese di Cosa nostra.

Le pene più severe sono state chieste per il boss di Ramacca, Rosario Di Dio (26 anni e 8 mesi) e per il presunto capomafia Pasquale Oliva (28 anni).

Diciassette anni sono stati chiesti per l'ex deputato regionale Fausto Fagone, 19 anni è la richiesta per l'ex assessore e consigliere comunale di Ramacca Giuseppe Tomasello.

Dal procedimento è stata stralciata la posizione dell'ex presidente della Regione, Raffaele Lombardo, giudicato col rito abbreviato e per il quale la sentenza e' attesa domani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento