Processo Muos, assolti quattro imputati e no alla confisca della struttura

Sono l'ex dirigente dell'assessorato all'Ambiente Giovanni Arnone, il presidente della "Gemmo Spa" Mauro Gemmo e i titolari di due imprese Concetta Valenti e Carmelo Puglisi

Tutti assolti "perché il fatto non sussiste" e "rigetto della richiesta di confisca della struttura". E' questa la sentenza del processo, col rito abbreviato davanti al Tribunale monocratico Caltagirone, a un dirigente della Regione Siciliana e a tre imprenditori accusati di abusivismo edilizio e violazione della legge ambientale per la costruzione a Niscemi  del Muos, sistema di telecomunicazione militare Usa. 

Imputati erano l'ex dirigente dell'assessorato all'Ambiente Giovanni Arnone, il presidente della "Gemmo Spa" Mauro Gemmo, e i titolari di due imprese di subappalti: Concetta Valenti e Carmelo Puglisi. La Procura aveva chiesto la loro condanna a un anno di arresto e 20 mila euro di ammenda ciascuno, oltre alla confisca della struttura. 

Ieri è cominciato davanti al Tribunale calatino il processo, col rito ordinario, agli altri tre imputati accusati, a vario titolo, di abusivismo edilizio e violazione della legge ambientale per la costruzione a Niscemi  del Muos, il sistema di telecomunicazione militare Usa. Sono Adriana Parisi, responsabile della "Lageco", una delle società che hanno costituito l'Ati 'Team Muos Niscemi' vincitrice della gara del 26 aprile 2007, il direttore dei lavori Giuseppe Leonardi, e l'imprenditrice Maria Rita Condorello della "Cr Impianti srl". L'udienza è stata caratterizzata dalla costituzioni delle parti e delle liste dei testimoni. L'avvocato Goffredo D'Antona, che rappresenta l'associazione antimafie Rita Atria, ha chiesto, tra gli altri, la convocazione di due ex presidenti della Regione Siciliana: Raffaele Lombardo e Rosario Crocetta. La prossima udienza è stata fissata per il 18 aprile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dall'inchiesta iniziale è stata stralciata la posizione di un cittadino statunitense, non un militare, ma un civile, Mark Gelsinger, nei confronti del quale procede l'autorità giudiziaria statunitense. Secondo l'accusa, sostenuta dal procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, avrebbero realizzato l'impianto "senza la prescritta autorizzazione, assunta legittimamente o in difformita' da essa". Ed avrebbero "eseguito e facevano eseguire i lavori per la realizzazione del Muos, insistenti su beni paesaggistici, all'interno della riserva orientata denominata Sughereta di Niscemi, in zona A, di inedificabilita' assoluta, in un sito di interesse comunitario".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento