menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Procura dei minori di Catania: "Fate sbarcare i bambini a bordo della Sea Watch"

Con una lettera inviata ai ministri dell'Interno e delle Infrastrutture e Trasporti, rispettivamente il vicepremier Matteo Salvini e Danilo Toninelli, il procuratore per i minorenni di Catania, Caterina Ajello, afferma che lasciare i minori stranieri non accompagnati sulla nave dell'Ong è una "grave violazione dei loro diritti"

Fate sbarcare i minori che si trovano a bordo della Sea Watch. A chiederlo è la Procura dei minori di Catania. Ma anche questa volta il governo tiene il punto. Per i ministri Toninelli, Di Maio e Salvini ai 47 migranti a bordo deve pensarci l'Olanda che però si sfila. "Finché non ci saranno accordi europei su soluzioni strutturali per i migranti a bordo dei barconi, i Paesi Bassi - ha detto il segretario di Stato olandese per l'Asilo e le migrazioni Mark Harbers, secondo il quotidiano De elegraaf - non prenderanno parte a soluzioni ad hoc". L'Olanda- ha aggiunto - ha "preso nota della richiesta italiana, ma non è responsabile per la Sea-Watch 3".

Con una lettera inviata ai ministri dell'Interno e delle Infrastrutture e Trasporti, rispettivamente il vicepremier Matteo Salvini e Danilo Toninelli, il procuratore per i minorenni di Catania, Caterina Ajello, afferma che lasciare i minori stranieri non accompagnati sulla nave dell'Ong, in rada davanti alle coste di Siracusa, è una "grave violazione dei loro diritti". Mentre la Procura dei Minori di Catania ha aperto un fascicolo, al momento contro ignoti, per accertare quanti minori non accompagnati ci sono a bordo della Sea Watch.

Salvini però non ci sta: "Bandiera olandese, Ong tedesca. Aprano i porti di Rotterdam o di Amburgo, in Italia posto non ce n’è" dice il vicepremier, cui fa eco l'altro vicepremier, Luigi Di Maio: "L'Olanda accolga i 47 migranti a bordo, in nome dell'Europa!" scrive su Fb. "Il governo olandese ha risposto alla mia richiesta di far andare in Olanda i passeggeri della Sea Watch 3, dicendo che non spetta a loro. Eppure quella nave Ong batte bandiera olandese - prosegue Di Maio - Questo vuol dire però che la responsabilità sulla nave è dell'Olanda e che l'equipaggio è soggetto alla sua sovranità. Se può stare in mare e può sfidare l'Italia ogni giorno, è proprio grazie alla bandiera che gli ha fornito il governo olandese". Poi aggiunge: ''O si prende la responsabilità o ritira la bandiera così la Ong smetterà di disobbedire agli ordini della guardia costiera libica".

"A meno che -avverte il leader politico pentastellato - come capitato con la Lifeline, la Sea watch 3 non stia sventolando illegalmente quella bandiera. In tal caso dovremo procedere al sequestro. Ma intanto l'Olanda accolga i 47 migranti a bordo, in nome dell'Europa!".

Nel frattempo, stando a quanto sottolineano fonti del Viminale, il ministro dell'Interno Matteo Salvini sta raccogliendo gli elementi per valutare una denuncia per tutti i membri dell'equipaggio della Sea Watch 3 per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Dura la replica del garante per l'infanzia di Siracusa

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento