Il Comune avvia progetti di integrazione sociale per giovani stranieri

Al via interventi che favoriscano processi di crescita personale e di integrazione sociale. Ciò avverrà attraverso la promozione del diritto allo studio degli studenti stranieri che prevede, tra l'altro, anche l'attivazione di servizi di supporto e tutoring, consulenza psicologica e apprendimento della lingua italiana

“L’integrazione scolastica e inclusione sociale dei giovani stranieri” (Azione 3), la “Capacity building”( Azione 9) , lo “Scambio di esperienze e Buone pratiche” ( Azione 10)  sono i temi su cui il Comune di Catania, attraverso l’Assessorato dell’Armonia Sociale e Welfare retto da Fiorentino Trojano, ha presentato un Avviso Pubblico, come capofila e soggetto proponente, di progetti a valenza territoriale finanziati dall’Autorità responsabile del Fondo Europeo per l’integrazione.

Con Decreto n. 5019 /13 l’Autorità del Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi Terzi, Direzione  Centrale per le Politiche dell’Immigrazione e dell’Asilo, del Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione, ha infatti predisposto una serie di Avvisi Pubblici di cui sono Destinatari Diretti, per le attività di progetto, i funzionari delle pubbliche amministrazioni e gli erogatori dei servizi pubblici rivolti ai cittadini stranieri.

Destinatari Finali saranno i cittadini di Paesi terzi regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale.

In particolare, per l’ Integrazione scolastica e inclusione sociale dei giovani stranieri si fissano interventi che favoriscano processi di crescita personale e di integrazione sociale. Ciò avverrà attraverso la promozione del diritto allo studio degli studenti stranieri che prevede, tra l’altro, anche l’attivazione di servizi di supporto e tutoring, consulenza psicologica e apprendimento della lingua italiana e  interventi di contrasto all’abbandono e alla dispersione scolastica

La Capacity building favorisce l’accesso degli immigrati alle istituzioni, nonché a beni e servizi pubblici e privati, su un piede di parità con i cittadini nazionali e in modo non discriminatorio e costituisce  base essenziale per una migliore integrazione. L'azione 10, infine  “Scambio di esperienze e buone pratiche” promuove il confronto tra le politiche di integrazione sviluppate a livello regionale e nazionale in Italia e negli Stati Membri dell’Unione, al fine di capitalizzare e di trasferire buone pratiche. In sostanza  occorre sviluppare obiettivi, indicatori e meccanismi di valutazione chiari per adattare la politica e valutare i progressi verso l'integrazione e rendere più efficace lo scambio di informazioni.

Il termine ultimo per la presentazione delle proposte progettuali, a pena di inammissibilità, è il 21  Settembre 2013 entro le ore 12.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento