Foto di noti giudici etnei sul sito del "Progetto Genesi" di Rodberg: "Inviate le diffide"

Nella sezione "testimonianze" del Progetto Genesi di Paul Zelig Rodberg - noto dopo il servizio de Le Iene - a loro insaputa sono finiti anche Ignazio Fonzo e Carlo Caponcello che prendono le distanze e fanno sapere di aver già diffidato il chiropratico dall'uso delle proprie foto

Sono due i volti dei magistrati catanesi che spiccano all'interno della sezione "Testimonianze" del sito ufficiale di Paul Zelig Rodberg, fondatore del cosiddetto "Progetto Genesi", balzato alle cronache nazionali per un servizio de Le Iene dove, ripreso a sua insaputa dalle telecamere di Italia1, spiega ad un finto paziente oncologico di poter trattare il cancro - come molte altre patologie - attraverso l'imposizione di un "peso" e con una "miscela di acqua e miele".

A comparire sul sito di Rodberg sono le fotografie che ritraggono il procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e il nuovo Avvocato generale della Corte d'Appello di Catania Carlo Caponcello. Entrambi, tuttavia, tramite i loro legali fanno sapere di non aver dato alcun consenso all'utilizzo della propria immagine e di aver già inoltrato una formale diffida al chiropratico statunitense. 

La diffida dei giudici Fonzo e Caponcello

Contattati da CataniaToday tramite i propri legali, i dottori Fonzo e Caponcello hanno precisato che l'unico contatto avuto con Paul Rodberg è risalente ad oltre vent'anni addietro, ed è esclusivamente legato alla sua qualifica di chiropratico. I due magistrati, fanno sapere gli avvocati, si erano rivolti a Rodberg per problemi di schiena e interventi di manipolazione, accompagnati da una dieta che sarebbe servita ad eliminare alimenti che, secondo Rodberg, erano nocivi. Tuttavia, tengono a precisare, né Fonzo, né Caponcello hanno mai autorizzato Rodberg all'utilizzo delle proprie immagini o i loro volti per promozione o propaganda di un progetto di cui sconoscono l'esistenza. I legali precisano, infine, che hanno già avuto mandato per diffidare Rodberg dall'utlizzare le immagini chiedendo l'immediata rimozione dal sito, in osservanza del rispetto della loro privacy.

giudici-2

Le testimonianze che non esistono

Oltre alle fotografie dei giudici etnei, nella sezione "Testimonianze" è possibile notare anche il volto del noto presentatore televisivo Marco Columbro, colpito agli inizi degli anni duemila da un aneurisma cerebrale. Come descrizione della sezione, Rodberg spiega che all'interno "puoi trovare testimonianze di persone che hanno abbracciato il Progetto Genesi avendo evidenti risultati dei loro problemi tra cui: medici, giudici, professori, musicisti, atleti e attori". Attualmente, tuttavia, il riquadro non è cliccabile e, quindi, la sezione risulta vuota

Il Progetto Genesi

Per capire meglio di cosa si tratta, Rodberg offre la possibilità di scaricare dal proprio sito il pdf del suo libro. Un manuale dove, in sostanza, viene attaccata la medicina ufficiale in favore di una visione molto alternativa di terapie adatte quasi a tutte le patologie, comprese quelle oncologiche. "Permettetemi che apra una breve parentesi sulla medicina ufficiale - scrive Roberg nel suo libro - La medicina ufficiale offre ai pazienti i seguenti servizi: Raccolta dei dati sul paziente (Anamnesi); Visita del paziente Accertamenti diagnostici quali: esame al sangue e alle urine, radiografie, Tac, risonanza magnetica, ecografia, endoscopia, ecc. Diagnosi Terapie: dalle più dolci (omeopatia, fitoterapia, fisioterapia, erbe,....), alle più cruenti (chirurgia, chemioterapia, busti ortopedici,....)". "Questo - aggiunge il chiropratico - determina due categorie di pazienti: i guariti e i non guariti. La mia esperienza e la condivisione con altri specialisti, mi permette di affermare che il metodi naturali qui proposti si sono rivelati efficaci nella risoluzione della maggior parte dei casi in cui la medicina ufficiale non ha trovato soluzione positiva“.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento