Pronto soccorso al Policlinico, Ugl: "Bisogna potenziare il Garibaldi centro"

"Non possiamo però nascondere le nostre preoccupazioni su quello che sarà il valzer dei pronto soccorso, in assenza di un preciso scadenziario" affermano i vertici del sindacato etneo

"La notizia dell'apertura in tempi celeri del pronto soccorso del Policlinico di Catania, non può che renderci soddisfatti essendo una struttura nuova che ormai da tempo deve essere messa a disposizioni dei cittadini. Non possiamo però nascondere le nostre preoccupazioni su quello che sarà il valzer dei pronto soccorso, in assenza di un preciso scadenziario". Lo affermano i segretari provinciali delle federazioni Ugl sanità e Ugl medici, Carmelo Urzì e Aurelio Guglielmino, con il coordinatore nazionale del settore docenza e dirigenza della Ugl università, Raffaele Lanteri.

"In passato, anche in occasione di tavoli tecnici alla presenza dell'amministrazione comunale, dell'assessorato regionale della salute e delle parti sociali - aggiungono - si era trovato un accordo di massima sulla chiusura del pronto soccorso del Vittorio Emanuele e la contestuale apertura di quello del Policlinico, soltanto al momento in cui sarebbe stato attivato il punto di emergenza dell'ospedale San Marco di Librino, ma anche si sarebbe provveduto alla conclusione dei lavori di potenziamento del pronto soccorso del nosocomio Garibaldi di Catania centro".

"A nostro avviso - sottolineano - sono queste le condizioni di sicurezza minime che devono essere rispettate per garantire una fruibilità di cure a tutta l'utenza della città e delle sue periferie". I sindacalisti chiedono "la revoca della circolare assessoriale che prevede la perentoria applicazione del Decreto Balduzzi in modo - spiegano - da evitare la sofferenza delle strutture ospedaliere a causa dell'esiguo personale in servizio". "Vogliamo - chiosano - evitare che i cittadini rimangano senza cure e i medici senza lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento