Cronaca

Faceva prostituire la moglie in un camper al Centro Sicilia, arrestato marito guardone

L'uomo teneva l'agenda degli appuntamenti e si occupava del "marketing", prendendo diretto contatto con "clienti" ai quali rappresentava l'inusuale "alcova itinerante"

Un uomo faceva prostituire la moglie all’interno di un camper parcheggiato all'interno del centor commerciale 'Centro Sicilia' e, come se non bastasse, pretendeva di presenziare allo spettacolo. Il marito degenere utilizzava il mezzo per un tour siciliano che toccava le province di Catania, Siracusa, Ragusa e Agrigento, attirando i “clienti” attraverso annunci postati su internet che pubblicizzavano la “merce” al costo di 80 euro.

La presenza dello squallido imprenditore, quindi, era solo a garanzia del proprio tornaconto, a fronte di una prestazione che doveva durare circa trenta minuti. L'uomo teneva l’agenda degli appuntamenti e si occupava del “marketing”, prendendo diretto contatto con “clienti” ai quali rappresentava l’inusuale “alcova itinerante”. I poliziotti hanno fatto irruzione all’interno del camper ed hanno ascoltato le testimonianze di alcune persone presenti, grazie alle quali hanno ricostruito l’intera vicenda. Adesso, V.L., arrestato per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, si trova rinchiuso nel carcere Piazza Lanza, in attesa di giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faceva prostituire la moglie in un camper al Centro Sicilia, arrestato marito guardone

CataniaToday è in caricamento