Romene portate in città e costrette a prostituirsi da un connazionale

Arresti per induzione alla prostituzione nelle zone tra il Tondicello della Playa, Via Domenico Tempio, Piazza dei Martiri e Viale Africa

I Carabinieri di Piazza Dante hanno arrestato, in flagranza di reato, una cittadina romena 22enne, per sfruttamento della prostituzione in concorso, e denunciato altri tre connazionali: due donne, di 27 e 21 anni, ed un uomo,  31enne, detto “Fox”, quest’ultimo di fatto a capo dell’attività illecita.

Le indagini dei Carabinieri, partite alcuni mesi fa, hanno permesso di accertare che iil cittadino romeno già arrestato a giugno dello scorso anno per aver portato a Catania alcune connazionali inducendole a prostituirsi nelle zone tra il Tondicello della Playa, Via Domenico Tempio, Piazza dei Martiri e Viale Africa, attualmente detenuto in Romania per sequestro di persona, continuava a riscuotere i proventi derivanti dalla prostituzione delle malcapitate, attraverso l’intermediazione di alcune di loro che gli inviavano i soldi in cacere.

In particolare, la 22enne aveva ricevuto l’incarico di riscuotere per ogni prostituta  la somma di 50 euro giornaliere che, a fine serata, ogni ragazza, prima di lasciare il suo posto, consegnava alla delegata. Quest’ultima, nei giorni successivi inviava il denaro a Fox, direttamente o  tramite dei prestanome, attraverso le agenzie di money-transfer. Le altre due romene, denunciate in stato di libertà, avevano il compito di sostituire la "collega" nelle sere in cui questa non lavorava.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento