Gli agricoltori in sit-in contro i debiti e l'aumento delle spese

Gli agricoltori protesteranno lunedi 11 novembre, alle 10.30 davanti la sede del capoluogo etneo del Consorzio di bonifica in via Centuripe

“Andare oltre la sospensione dei ruoli, stabilire un tavolo tecnico che affronti nel merito le questioni relative ai bilanci consortili e agli aumenti spropositati delle tariffe e supportare, con interventi urgenti, le imprese agricole già fortemente provate”. Lo chiedono a gran voce Pippo Di Silvestro, presidente di Cia Sicilia Orientale, Giovanni Selvaggi, presidente di Confagricoltura Catania e Salvatore Marino per Alleanza Cooperative, del Coordinamento Agrinsieme Catania che per lunedi 11 novembre, alle 10.30 davanti la sede del capoluogo etneo del Consorzio di bonifica in via Centuripe 1 hanno chiamato a raccolta gli agricoltori della Sicilia Orientale.

“Il debito ammonta a 100 milioni di euro- dice Pippo Di Silvestro- ora è necessario andare oltre con urgenza e stabilire un percorso che chiuda i debiti e liberi gli agricoltori da tutte le pendenze passate”. “Bene la sospensione dei ruoli consortili annunciata dal presidente della regione Siciliana Nello Musumeci- spiega Giosuè Catania responsabile Regionale della Cia per i Consorzi di Bonifica- ma per evitare che il problema si ripresenti, bisogna trovare una soluzione ragionevole e definitiva che eviti di scaricare sugli utenti il frutto di cattive gestione e di aumenti dei ruoli fuori di ogni logica che rischiano di penalizzare le aziende agricole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fa il giro del mondo e gli rubano la moto a Catania: l'appello per ritrovarla

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Catania dove trovare sconti e fare affari

  • Scontro frontale tra due auto a Pedara: feriti i conducenti

  • Auto contromano in tangenziale inseguita dalla polizia

  • Ritrovata dai carabinieri la moto rubata al travel blogger messicano

  • Smantellata piazza di spaccio alla "Fossa dei leoni": 5 arresti tra vedette e pusher

Torna su
CataniaToday è in caricamento