Pubbliservizi, Bianco pronto a guidare la protesta dei lavoratori a Palermo

La Regione nella riunione in Prefettura riguardante la situazione della Pubbliservizi ha comunicato che non può trasferire le risorse a cui la città Metropolitana ha diritto. "Tagli inaccettabili che in questi mesi hanno avuto l'apice", commenta il sindaco Bianco

foto archivio

La Regione nella riunione in Prefettura riguardante la situazione della Pubbliservizi ha comunicato che non può trasferire le risorse a cui la città Metropolitana ha diritto. "Tagli inaccettabili che in questi mesi hanno avuto l'apice", commenta il sindaco Bianco.

"Le città etropolitane siciliane, hanno avuto riduzioni dei trasferimenti che impediscono ai nostri enti di fornire servizi essenziali. Non abbiamo chiesto trasferimenti straordinari, ma quelli ordinari. La Pubbliservizi si trova in grande difficoltà ma se la Regione ci desse ciò che è dovuto avremmo la possibilità di ricapitalizzare con le nostre risorse, anche grazie al piano industriale all'opera di risparmio e moralizzazione che abbiamo attuato con il presidente Ontario in questi mesi", continua il Sindaco.

"Abbiamo condotto una forte operazione di legalità e moralizzazione, rimuovendo persone e denunciando all’autorità giudiziaria. A questo punto sono pronto a guidare la protesta dei lavoratori alla Regione a Palermo, purché essa sia civile, perché la Città metropolitana abbia ciò che le è dovuto in maniera che si possa ricapitalizzare la Pubbliservizi risolvendo così le sorti dell'azienda”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento