Vertice Pubbliservizi in prefettura, Ugl: "Servono soluzioni concrete"

Si terrà venerdi, 17 marzo a mezzogiorno, la riunione richiesta dai sindacati e convocata dalla Prefettura sulla vicenda della partecipata

Si terrà domani, 17 marzo a mezzogiorno, la riunione richiesta dalle sigle sindacali e convocata dalla Prefettura sulla vicenda Pubbliservizi, già rinviata lo scorso venerdì per l’indisponibilità della Città metropolitana di Catania. Quello chiesto congiuntamente da Cgil, Cisl, Uil, Ugl e dalle sigle autonome, è un confronto urgente per conoscere il futuro della partecipata e dei suoi 400 dipendenti, alla luce del fatto che il contratto di servizio andrà a scadere a fine mese e, nel contempo, è passata allo studio la possibilità di liquidare la società esistente per istituirne una nuova o procedere alla fusione con la Catania Multiservizi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto tra i lavoratori, che da oltre 15 giorni sono in stato di agitazione, continua a montare la preoccupazione anche per la totale assenza di governance considerato che, dopo le dimissioni del professor Muscarà, i soci non hanno ancora provveduto a nominare il nuovo amministratore unico. “Con un sit-in pacifico saremo sotto la Prefettura ad attendere l’esito del vertice perché vogliamo sapere quale sarà il destino nostro e dell’azienda – affermano il segretario della federazione provinciale Ugl Igiene ambientale Santo Gangemi ed il rappresentante sindacale Francesco Coco. Siamo stanchi ed avviliti perché il nostro lavoro è ogni giorno mortificato. I reparti sono al collasso per mancanza di materiali, perché non c’è nessuno che ha la responsabilità di firmare gli impegni d’acquisto e di mezzo ci vanno strade, scuole e strutture, che di conseguenza non ricevono la necessaria manutenzione. In più – aggiungono i sindacalisti – non sappiamo che fine faremo dal 1 Aprile. E’ una situazione disastrosa, che ci auguriamo si possa risolvere a partire da domani con impegni seri da parte del socio di maggioranza, che non può più giocare a nascondersi e mettere a repentaglio centinaia di posti di lavoro. Continueremo a portare pazienza fino a domani, nella speranza di una risoluzione, ma siamo già pronti e ben disposti ad azioni ancor più clamorose della semplice protesta, perché vogliamo e chiediamo di poter lavorare.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento