Pubbliservizi, i sindacati: "Futuro incerto, la prefettura riapra lo stato di crisi"

Finita l' assemblea dei soci,le segreterie di Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UIL trasporti e Ugl Igiene ambientale si dichiarano "preoccupatissime della situazione economica e finanziaria, nonché della tenuta occupazionale della partecipata"

Finita l' assemblea dei soci, ora il futuro è incerto per le lavoratrici e lavoratori della Pubbliservizi. Lo sostengono le segreterie di Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UIL trasporti e Ugl Igiene ambientale. I rappresentanti dei lavoratori segnalano che proprio al termine dell'incontro (l'assemblea ha discusso vari punti tra cui il piano di risanamento della società e il rinnovo della commessa), hanno chiesto ed ottenuto alcune informazioni al presidente della partecipata, Silvio Ontario, e al funzionario della ex Provincia regionale, Schilliró.

"La Città Metropolitana ha comunicato che il piano di impresa presentato durante la riunione, anche se passibile di modifica in qualche punto, poteva essere nelle condizioni di essere deliberato. -spiegano -. Ma lo scoglio più grande è stata la mancanza di fondi utili per la ricapitalizzazione della società partecipata. Attraverso il sindaco Bianco è stato richiesto un intervento straordinario economico alla Regione, il cui esito non è per nulla scontato. Dal punto di vista delle spettanze dei lavoratori, sia la ex Provincia che il management della società hanno chiesto una decina di giorni per sbloccare alcune fatture; procedimento necessario per sbloccare il saldo delle stesse".

I commenti non sono ottimisti. Le segreterie di Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UIL trasporti e Ugl si dichiarano "preoccupatissime della situazione economica e finanziaria, nonché della tenuta occupazionale della Pubbliservizi. Le lavoratrici ed i lavoratori sono allo stremo delle forze e soprattutto alle prese con un terribile stato di incertezza. Il taglio dei fondi regionali uniti alla vecchia gestione scellerata di questa società, sta portando centinaia di famiglie verso un tunnel di precarietà sociale e lavorative. La Regione Sicilia deve intervenire in maniera rapida e incisiva per scongiurare tutto ciò senza mischiare eventuali soluzioni utili a cattive pratiche pre elettorali.

Chiederemo alla Prefettura di riaprire il tavolo di crisi fermo da dicembre del 2016 per sollecitare, discutere e soprattutto sbloccare fondi necessari per evitare il fallimento della Pubbliservizi. È necessario evitare danni irreversibili per i lavoratori e disservizi irrecuperabili per le istituzioni, per le scuole e per tutto quello che fino ad oggi i lavoratori stanno garantendo. Non abbiamo tempo da perdere e soprattutto non possiamo accettare che si tergiversi sulla pelle dei lavoratori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento