menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I carabinieri gli spostano la telecamera di sorveglianza per farlo uscire: arrestato pusher

E' finito in manette un catanese di 38 anni. Aveva piazzato una telecamera dinanzi l'ingresso di casa per monitorare eventuali visite "sgradite" da parte delle forze dell'ordine

I carabinieri della squadra Lupi del comando provinciale hanno arrestato un catanese di 38 anni, accusato di spaccio. I militari in via Del Papiro aveva messo sott'occhio un costante afflusso di persone intorno al civico 31. Dopo un po', però, il via vai di clienti si è interrotto e così i carabinieri hanno deciso di fare visita al presunto spacciatore che non ha risposto né aperto loro la porta.

Così i militari hanno pensato bene di fingere di allontanarsi dal luogo non prima però di aver notato una telecamera di sorveglianza che è stata spostata. La camera puntava sul portone d’ingresso, attivata proprio per proteggersi dalle sgradite visite delle forze dell’ordine, celata dal 38enne all’interno di un mattone forato. L’escamotage, in effetti, ha sortito l’esito voluto in quanto, dopo circa una mezz’oretta, l’uomo è sceso in strada per riposizionare la telecamera. Bloccato e identificato, è stato fatto rientrare nell’abitazione in cui i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato: 3.970 euro, suddivisa in banconote di diverso taglio, nonché un involucro di cellophane racchiudente 11 grammi di cocaina in pietra. Durante l’operazione sono stati numerosi i clienti che si sono avvicendati al citofono dello spacciatore ma che, alla domanda gentilmente formulata dal carabiniere circa il motivo della loro presenza in loco, hanno addotto le scuse più disparate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bustine di gel di silice - Ecco a cosa servono

Salute

Stanchezza primaverile - Cause, sintomi e rimedi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento