menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quattro giovani non vedenti in cima all'Etna con il progetto Irifor

I ragazzi provenienti da varie province siciliane che hanno raggiunto, accompagnati da volontari e guide, la sommità del vulcano grazie a un progetto nazionaleper colmare, dopo il lockdown, il deficit di esperienze e socializzazione

"L'emozione di raggiungere la vetta dell'Etna è stata indescrivibile. Non me l'aspettavo davvero. Le lacrime di commozione erano il segno del senso di liberazione provato. Un'emozione unica nel suo genere. Qualsiasi esperienza sportiva o di altro tipo è incomparabile". A parlare è Valerio Messina, 16 anni, uno dei quattro giovani non vedenti provenienti da varie province siciliane che hanno raggiunto, accompagnati da volontari e guide, la sommità dell'Etna grazie a un progetto nazionale dell' Irifor per colmare, dopo il lockdown, il deficit di esperienze e socializzazione dei ragazzi ciechi.

"Collegato all'Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti onlus - ha spiegato il presidente siciliano Gaetano Minincleri, che presiede anche l'Irifor - abbiamo appunto questo istituto nato soprattutto per perseguire la ricerca sui non vedenti, ma anche la formazione per l'avviamento al lavoro dei disabili visivi e la loro riabilitazione. Proprio dall'Irifor è stato finanziato il progetto nazionale 'Gioco la mia parte', che si sta rivelando di grande importanza per colmare il deficit di esperienze e socializzazione dopo il lockdown e il distanziamento sociale causati dal coronavirus"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bustine di gel di silice - Ecco a cosa servono

Salute

Stanchezza primaverile - Cause, sintomi e rimedi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento