Illegalità diffusa, il questore Della Cioppa: "Nessuna tregua per i parcheggiatori abusivi"

“Con l’inizio della Fase 2 è inevitabile che ci siano più automobili per strada, ho dato precise disposizioni affinché questo fenomeno sia debellato una volta per tutte"

La polizia ha sanzionato altri parcheggiatori abusivi che, nonostante l’emergenza in atto, stazionano nei pressi dei nosocomi cittadini incuranti delle misure di contenimento per contrastare il contagio del virus. In particolare una volante ha sanzionato il posteggiatore abusivo T.F. di anni 31 già recidivo, che è solito operare nello spazio antistante l’ospedale “Garibaldi centro”, sito doppiamente sensibile in questo periodo emergenziale, dimostrando pertanto una assoluta mancanza di rispetto nei confronti degli utenti dell'ospedale in questo delicato tempo. Nei suoi riguardi quindi è scattata la denuncia penale ai sensi dell’art.7 comma 15 bis del codice della strada che prevede la pena dell’arresto da sei mesi ad un anno e l’ammenda da 2 mila a 7 mila euro, gli è stata inoltre confiscata la somma 16 euro provento della sua attività abusiva. Il Questore provvederà a emettere la misura di prevenzione dell’avviso orale in forma aggravata, che prevede una serie di limitazioni per chi è stato condannato definitivamente per delitti non colposi, quale, tra gli altri, il divieto di possedere ed utilizzare qualsiasi apparato di comunicazione radiotrasmittente. L'avviso orale, oltre a essere propedeutico all’applicazione della sorveglianza speciale, consente di richiedere al Prefetto la revoca della patente di guida. Il Questore di Catania Mario Della Cioppa ha dato precise istruzioni affinché tutte le unità operative sul territorio, impegnate in queste settimane nel controllo della mobilità cittadina connessa all’attuale fase emergenziale, procedano al contrasto dell’illegalità diffusa, al fine di consolidare i risultati ottenuti nel ripristino della legalità con particolare riferimento all’abusivismo più o meno incontrollato e alle violazioni in materia di codice della strada soprattutto in relazione all’uso del casco. Il Questore Della Cioppa a tal proposito ha dichiara: “Con l’inizio della Fase 2 è inevitabile che ci siano più persone per strada. Quindi anche più automobili. Che sappiano tutti coloro che abbiamo 'colpito' nei mesi scorsi per l’odioso fenomeno dei parcheggiatori abusivi, che ho dato precise disposizioni affinché questo fenomeno sia debellato una volta per tutte. Avviso fin d’ora tutti questi soggetti, molti dei quali pregiudicati ed alcuni dei quali anche collegati alla criminalità organizzata, che saranno scovati, rintracciati, inseguiti e colpiti senza un momento di tregua. Capiscano questi soggetti che non permetteremo loro di impadronirsi nuovamente degli spazi cittadini. Sappiano che faremo anche attività investigative con personale in abiti civili per verificare forme di pressione su automobilisti al fine di arrestarli laddove commettano reati gravi quali l’estorsione. Piazza Manganelli, Piazza Dante, Piazza Spirito Santo, via Sant’Euplio, Piazza Federico di Svevia, Piazza Borsellino ed altre aree già mappate saranno passate al setaccio. Chiediamo, però, anche ai cittadini di collaborare fornendo tempestivamente alle pattuglie sul territorio, anche in forma anonima, indicazioni sulla presenza di parcheggiatori abusivi e noi interverremo. E’ una battaglia di civiltà che intendiamo vincere per restituire ai cittadini catanesi la libertà di poter parcheggiare in piena libertà. In questo senso, chiediamo anche a quei pochi automobilisti di non essere 'complici' di questo fenomeno, come in qualche circostanza abbiamo avuto modo di verificare, allorquando abbiamo constatato che alcuni di essi stessi hanno ricercato forme privilegiate di parcheggio, addirittura, affidando le chiavi delle loro autovetture a questi parcheggiatori abusivi. Anche queste forme di complicità saranno colpite”. Sono già allo studio le misure operative per intensificare e rendere capillare in tutto il territorio metropolitano il contrasto a queste forme di abusivismo che saranno attuate con il ritorno seppur graduale alla 'normalità' allo scopo di impedire il ripristino alle tradizionali manifestazioni di reati. Ciò sia nella sua azione autonoma che nell’ambito dei dispositivi presidiari interforze, valutate in sede di Comitato di Ordine e Sicurezza Pubblica, presso la Prefettura di Catania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento