Comune, Enpa e quinta municipalità insieme nella lotta al randagismo

Il consiglio della quinta circoscrizione ha incontrato la responsabile comunale del progetto animali Gabriella Barchitta e il presidente dell'Enpa Aldo Paradiso per discutere alcune soluzioni utili per i randagi del quartiere

Con una seduta speciale, il consiglio della quinta circoscrizione ha incontrato la responsabile comunale del progetto animali Gabriella Barchitta e il presidente dell'Enpa, Aldo Paradiso, per discutere della lotta al randagismo nel quartiere.

"La quinta municipalità - afferma il presidente Orazio Serrano - è da sempre vicina alla tematiche degli amici a quattro zampe ed è per noi molto importante incontrare due esperti nel settore come la dottoressa Barchitta e il dottor Paradiso che ogni giorno, insieme ai volontari, riescono a migliorare la vita dei randagi di quartiere. Già due anni fa, in via Padre Angelo Secchi a Nesima, grazie al loro impegno e a quello del Sindaco è nato un nuovo ambulatorio, con sala operatoria, utilissimo per salvare la vita di tanti cani".

Nel corso dell'incontro il consiglio ha espresso anche la volontà di far nascere un cimitero per cani all'interno della municipalità per consentire una degna sepoltura ai cani. "Ho anche proposto - continua il presidente Serrano - la possibilità di aggiungere a tutte le fontane della circoscrizione delle vasche di raccolta dell'acqua affinchè i cani possano bere tranquillamente".

"Sappiamo bene quante difficoltà economiche debba affrontare l'amministrazione comunale per cercare di combattere un fenomeno ormai dilagante in città. Le risorse sono poche - conclude Orazio Serrano -  e le emergenze sempre dietro l'angolo, ma ogni contributo, seppur minimo può rivelarsi utilissimo. Insieme alla dottoressa Barchitta e all'Enpa di Catania in questi anni abbiamo portato avanti diverse campagne di sensibilizzazione per consentire microchippature gratuite. I cittadini della municipalità hanno risposto con grande interesse e partecipazione, l'identificazione dei nostri amici a quattro zampe è il primo passo per combattere l'abbandono degli animali".

"Per portare avanti la battaglia contro il randagismo - afferma Gabriella Barchitta, responsabile del progetto animali del Comune - stiamo procedendo con  sterilizzazioni a tappeto, per poi reimettere i cani sul territorio con tutor che li monitorano con croccantini e medicine. Ogni giorno in città sei cuccioli vengono abbandonati nel cassonetti e lo spazio nei canili convenzionati non basta. Ogni cane, in canile, costa ai cittadini catanesi 1300 euro l'anno, una spesa enorme. Abbiamo anche, insieme all'Enpa, stabilito una convenzione con il canile di Pistoia, un gemellaggio per favorire le adozioni dei nostri cuccioli".

"Con un'ordinanza speciale, insieme al sindaco Enzo Bianco, - afferma la dottoressa Barchitta - vogliamo rendere obbligatoria la sterilizzazione dei cani appartenenti ai clochard e permettergli di tenerne solo tre, evitando che i cuccioli siano sfruttati per chiedere l'elemosina. Infine, abbiamo l'obiettivo di realizzare un protocollo d'intesa con l'ordine dei veterinari per abbassare i costi di sterilizzazione dei cani e permettere ai cittadini di avere sconti sostanziali"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento