Raccolta differenziata, a San Giovanni La Punta vietati i sacchi neri

Un'ordinanza del sindaco Antonino Bellia detta le nuove disposizioni sulla gestione dei rifiuti per le utenze domestiche e commerciali

La corretta gestione ambientale dei rifiuti e di recupero di materiali finalizzato al riciclo e riutilizzo dei rifiuti, differenziati e non, costituiscono un obiettivo prioritario dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonino Bellia, in ottemperanza degli obblighi di legge previsti sul raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata. “L’ordinanza n.8 del 11/12/2018 adottata dal presidente della Regione Siciliana d’intesa con il Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare- spiega il primo cittadino puntese- non lascia margini poiché impone ai comuni di adottare ogni metodo e strategia utile affinché la percentuale della raccolta dei rifiuti differenziati raggiunga almeno il 65%. Oramai da anni abbiamo eliminato la presenza di cassonetti sul territorio e attivato il servizio di raccolta porta a porta e con enormi sforzi siamo riusciti ad innalzare la percentuale di differenziata, ma non siamo ancora riusciti a giungere al 65%. Per colpa di chi? Di quelle sacche di resistenza che si ostinano a non differenziare, a non rispettare il calendario per il corretto conferimento e ancor peggio per chi lancia i sacchetti pieni di rifiuti lungo le strade, sotto i ponti e nelle zone meno trafficate. Non meno grave il comportamento che si registra in alcuni condominii dove l’abbandono indiscriminato e selvaggio dei rifiuti vanifica il lavoro di chi invece separa e conferisce secondo le regole”.

Il Sindaco Bellia non si rassegna e dopo numerose campagne di informazione e sensibilizzazione passa al contrattacco. “Abbiamo distribuito calendari per il corretto conferimento, distribuito i kit per le famiglie e i carrellati per i condomini, posizionato le isole ecologiche mobili e incrementato ogni forma di miglioramento grazie anche a quanto previsto nel contratto settennale stipulato con la Dusty s.r.l. ma non possiamo più permetterci di sottostare a chi non vuol sentirne- spiega il Sindaco Antonino Bellia- per questo ho emanato un’ordinanza con la quale si mettono in guardia i trasgressori della suddetta ordinanza e si impone a tutte le utenze domestiche e non domestiche: No all’abbandono indiscriminato sul suolo pubblico di rifiuti differenziati e non differenziati ed il conferimento degli stessi con modalità e orari difformi a quelli previsti con l’ordinanza; la frazione organica (umido) dovrà essere conferita utilizzando gli appositi mastelli forniti dalla ditta per le utenze domestiche, all’interno degli spazi condominiali negli appositi carrellati forniti dalla ditta; la frazione riciclabile (vetro, plastica, carta, cartone) dovrà essere conferita negli appositi mastelli forniti dalla ditta; è assolutamente vietato l’utilizzo del sacco nero, di quello non trasparente o che non consenta di intravederne il contenuto; La plastica dovrà essere appiattita/pressata in senso longitudinale al fine di ridurre il più possibile il volume”. Sempre che il fatto non costituisca reato, si applicheranno le sanzioni amministrative previste dal D. Lgs 152/2006, con sanzioni amministrative da 150 a 620 euro, in presenza di sanzioni penali arresto da 3 mesi a un anno oppure ammenda da 2.600 a 26.000 euro, arresto da 6 mesi a 2 anni oppure ammenda da 2.600 a 26.000 euro, con obbligo a carico del soggetto autore dei fatti di procedere alla rimozione, all’avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Evitare di incappare nelle sanzioni precedentemente elencate non è poi così difficile- conclude il Sindaco Bellia- basta attenersi alle indicazioni presenti sui calendari, conferire gli ingombranti prenotando il ritiro al Numero Verde Dusty e soprattutto sentirsi responsabile del futuro del nostro ambiente unica certa eredità che lasceremo ai nostri figli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

  • Coronavirus, in Sicilia si fermano i decessi: 4 nuovi casi a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento