rotate-mobile
Cronaca

A Catania la raccolta differenziata ha raggiunto il 40 per cento a febbraio

Dal 2017 a oggi la Sicilia è passata dal 19 al 47 per cento di raccolta differenziata. Il Governatore Nello Musumeci ha ricordato che nell'Isola ci sono 511 discariche tra attive e dismesse

A Catania la raccolta differenziata ha raggiunto nel mese di febbraio il 40% del totale, quasi il doppio rispetto a qualche tempo fa. A fornire i dati in conferenza stampa è stato questa mattina il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, assieme all'assessore Daniela Baglieri e al dirigente generale del dipartimento Rifiuti Calogero Foti. Musumeci, specificando che  a Messina si è raggiunta quasi la soglia del 50% e che Palermo è ferma al 18%, ha detto anche che dal 2017 a oggi la Sicilia è passata dal 19 al 47%. Il Governatore ha poi ricordato che nell'Isola ci sono 511 discariche tra attive e dismesse, "e producono inquinamento delle falde e dei terreni". "Nel Pnrr abbiamo inserito 60 mln per bonificare queste aree - ha affermato Foti - Tenere una discarica significa preoccuparsi anche del post-mortem di una discarica".

Il "nodo" termovalorizzatore

Per il termovalorizzatore previsto nella Sicilia occidentale sono in corsa tre società, quattro aziende per quello nella Sicilia orientale. Il costo per singolo impianto va da 263 a 570 milioni di euro, a seconda delle caratteristiche. Quasi tutte le proposte, al vaglio del Nucleo di valutazione della Regione che dovrebbe completare l'analisi in quindici giorni circa, prevedono una capacità di conferimento tra 400 e 450 mila mila tonnellate all'anno. Si tratta di tecnologia a combustione e incenerimento a griglia, qualcuna delle proposte include un movimento alternato e raffreddato ad acqua. I tempi di realizzazione degli impianti vanno da 6 a 48 mesi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Catania la raccolta differenziata ha raggiunto il 40 per cento a febbraio

CataniaToday è in caricamento