E' polemica sulla raccolta differenziata, botta e risposta tra Arcidiacono e D'Agata

Il vicepresidente del consiglio comunale denuncia un calo della raccolta differenziata, mentre l'assessore D'Agata afferma che i dati sono confortanti. Arcidiacono risponde a D'Agata: "Io ho solo reso pubblici i dati forniti dall'assessorato all'ambiente"

Acceso il dibattito sulla raccolta differenziata a Catania. Dopo i dati non proprio confortanti presentati dal vice presiedente vicario del consiglio comunale Sebastiano Arcidiacono e forniti proprio dall'assessorato all'ecologia emerge, infatti, una diminuizione nel recupero dei rifiuti differenziati. Dal 2012 al primo trimestre del 2016 si registra un calo che va dal 12,83 all'8,75 per cento di marzo di quest'anno.

In proposito l'assessore all'ecologia Rosario D'Agata sostiene che "i dati sulla raccolta differenziata che il consigliere Sebastiano Arcidiacono ha voluto commentare vanno letti con più attenzione e tenendo conto dei parametri nella pesatura che dal 2015 sono stati cambiati. Siamo soddisfatti di aver voluto provare in ampie parti della città la raccolta porta a porta, anticipando il prossimo bando, con ottimi risultati".

RACCOLTA DIFFERENZIATA, IL COMUNE CHIEDE PIU' ATTENZIONE AI CITTADINI

CONAI: "IL SISTEMA HA BISOGNO DI TEMPO"

"Il dato confortante - continua D'Agata -  è che nelle zone dove è stata lanciata la raccolta porta a porta siamo già oltre il 50%. Abbiamo voluto con ostinazione anticipare quello che accadrà con il nuovo bando, quando tutta città avrà la raccolta differenziata. Siamo solo all'inizio e ancora i cittadini devono abituarsi al nuovo metodo. Il motivo per cui il dato complessivo della raccolta differenziata sembra ridursi nel 2015-16 è dovuto semplicemente al fatto che fino al 2014 la raccolta di inerti, pneumatici ed affini veniva inserita nel quadro della raccolta differenziata mentre dal 2015 vengono indicati a parte con la conseguenza della oggettiva riduzione della differenziata. Tale cambiamento valutativo è noto a tutti, essendo stato spiegato dal Comune in varie occasioni".

"Io ho solo reso pubblici i dati forniti dall'assessorato all'ambiente - ribatte Arcidiacono - Sia allora l'assessore D' Agata a fornire un dato globale, dal 2012 al primo trimestre 2016 dell'intera città in merito alla raccolta differenziata. Non si possono fornire numeri e dati come quello del cinquanta per cento basandosi solo su una zona e su un totale di tremila abitanti,è necessario fornire un quadro complessivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento