"A casa con febbre e tosse, ma nessun tampone", il racconto di un giornalista di CataniaToday

"Dopo 19 giorni continuo ad avere crisi respiratorie fino ad oggi gestibili, ma nonostante la scheda fatta con l'Asp di Catania via telefono nella mattinata del 24 marzo, ad oggi neanche l'ombra del tampone". E' il racconto di un redattore di CataniaToday Davide Campagiorni

In un momento difficile per l'intera comunità italiana e catanese, ho deciso di raccontare la mia testimonianza, sperando possa servire da monito per altre situazioni analoghe o simili in un momento di vera e propria emergenza sanitaria mondiale. Scrivo in quanto cittadino, ancor prima che giornalista e collaboratore del giornale CataniaToday. 

Dal 10 marzo sono a casa con sintomi, dalla notte del 24 marzo ufficialmente in isolamento domiciliare. Ho seguito inizialmente la cura per la polmonite, data dal medico curante via telefono, con antibiotici, più farmaci anti allergici e broncodilatatore, visto che soffro anche di allergia, oltre a pillole di cortisone e per finire ansiolitici, prescritti dal medico nell'ultima settimana.

Dopo 19 giorni continuo ad avere crisi respiratorie fino ad oggi gestibili, ma nonostante la scheda fatta con l'Asp di Catania via telefono nella mattinata del 24 marzo, ad oggi neanche l'ombra del tampone. Risultato: non so ancora se sono positivo o no.

La saturazione dell'ossigeno, calcolata comprando un saturimetro in farmacia, capita spesso scenda al di sotto dei valori normali. Anche sotto i 90 nei momenti più complicati. Ho chiamato due volte il 118, intervenuto prontamente, ma nel momento in cui i medici sono arrivati nella mia abitazione, la mia saturazione era stabile e alta. La decisione presa dai dottori è stata quella di continuare la mia permanenza a casa, scongiurando saggiamente eventuali rischi di contagio in ospedale, qualora poi non fossi risultato positivo.

Purtroppo, negli ultimi due giorni è aumentata anche la tosse e la pesantezza nel respiro non dà tregua, soprattutto la sera e in prossimità della notte.

Eppure devo continuare a leggere di personalità eminenti dal punto di vista sociale che fanno i tamponi e dicono agli altri andrà tutto bene. Due pesi, due misure. Spero altre persone non stiano vivendo questi momenti di incertezza e scoramento, ma viene lecito chiedersi: la salute è uguale per tutti?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento