rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Cronaca San Cristoforo

Arrestata la cugina del famoso boss Benedetto Santapaola

L'accusa è di estorsione, in concorso, con l'aggravante per avere agito avvalendosi dell'appartenenza all'associazione mafiosa Santapaola - Ercolano

Questa mattina  - su delega del sostituto procuratore dott.ssa Iole Boscarino della Procura Distrettuale di Catania - gli agenti della squadra Mobile hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, arrestando due pregiudicati catanesi: la cugina del noto boss Benedetto Santapaola e C.M., soprannominato "Melo ‘u disperato". L'accusa è di estorsione, in concorso, con l’aggravante per avere agito avvalendosi delle condizioni di assoggettamento e di omertà derivanti dall’appartenenza all’associazione mafiosa Santapaola - Ercolano.

L’indagine delegata dalla D.D.A di Catania alla Squadra Mobile, a seguito delle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia, ha consentito di acquisire univoci e concordanti elementi di reità nei confronti dei due arrestati. Secondo l’accusa, i due avrebbero costretto un commerciante del quartiere di S. Cristoforo, a versare mensilmente a titolo estorsivo, già dal lontano 1987, 250 mila lire, poi "convertita" in euro a 130,00. Nel corso delle perquisizioni domiciliari sono stati sequestrati tredicimila euro presso l’abitazione della Santapaola e mille e quattrocento euro presso l’abitazione di C.M.

La donna insieme al marito, noto come Turi, responsabile del clan "Santapaola", nel 2000 rimase coinvolta nell’ operazione "Ottanta Palme", in quanto a capo di un’organizzazione che aveva monopolizzato il traffico e lo spaccio di cocaina nella zona di via Della Concordia. Nel corso delle intercettazioni ambientali svolte nell’ambito di quell’attività d’indagine, la stessa si vantò con i presenti che la sua famiglia, poiché imparentata con il boss Benedetto, rappresentava il "sangue blu" della mafia catanese.

 

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestata la cugina del famoso boss Benedetto Santapaola

CataniaToday è in caricamento