Taglieggiavano imprenditore di Biancavilla, arrestati 3 paternesi

Dovranno scontare 4 anni e 7 mesi di carcere

Avevano taglieggiato un imprenditore agricolo di Biancavilla ma erano stati scoperti dai carabinieri. Adesso sono stati arrestati e dovranno scontare in carcere 4 anni e 7 mesi. Si tratta dei paternesi Giuseppe Furnari, di 43 anni, di Giuseppe Rau, di 30 anni e di Antonino Distefano di 54 anni.

La condanna è arrivata per il reato di estorsione aggravata in concorso commessa nel 2014. I tre, secondo la ricostruzione dell’epoca, avrebbero offerto “protezione” all’imprenditore, che avrebbe ceduto alle minacce pur di evitare danni alla sua azienda e ai suoi  mezzi. Al mese la vittima avrebbe versato somme variabili tra i 300 e i 500 euro che veniva vessata dai suoi aguzzini.

Ad incastrare i tre fu la capacità degli investigatori a tracciare il denaro estorto: prima della consegna, infatti, le banconote furono fotocopiate e quando i carabinieri andarono successivamente a perquisire le abitazioni degli arrestati trovarono e sequestrarono il denaro segnato. Un quadro accusatorio che ha portato alla condanna in carcere.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento