Unict, Radio Zammù ritorna a farsi sentire

Sono riprese ufficialmente questa mattina alle 11 le tramissioni via etere di Radio Zammù, l'emittente radiofonica dell'Università di Catania

Sono riprese ufficialmente questa mattina alle 11 le tramissioni via etere di Radio Zammù, l’emittente radiofonica dell’Università di Catania che si è trasferita da alcuni giorni nella nuova sede di via Umberto 285. I programmi della radio possono essere ascoltati in FM sulle nuove frequenze 90.00 Mhz (zona Catania), 89.40 Mhz (zona Acireale), 88.200 Mhz (zona Bronte-Maletto). Per due settimane, prima della pausa estiva, ogni giorno dalle 11 alle 13 andranno in onda gli speaker di Radio Zammù in un “morning show” a dimensione vacanziera.

A settembre si ripartirà con un ricco palinsesto giornaliero basato su intrattenimento, orientamento e notizie, a cura della società RMB s.r.l. - che ha avuto in affidamento la gestione/programmazione per il triennio 2011-2014 - e del direttore artistico Ubaldo Ferrini, che sarà prossimamente fruibile anche in streaming sul sito internet della radio www.radiozammu.it e sui principali siti internet dell’Ateneo e delle facoltà.

Gli studenti universitari che volessero collaborare con la radio, anche per svolgere gli stage previsti dai propri curricula di studio o i tirocini post-laurea, possono segnalare la propria disponibilità all’indirizzo e-mail info@radiozammu.it, indicando i loro dati anagrafici, numero di matricola, facoltà e corso di laurea, e i loro recapiti telefonici.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento