Raffaele Lombardo prosciolto dall'accusa di falso e abuso d'ufficio con Armao

I due imputati si sono difesi appellandosi al principio di discrezionalità sulle nomine politiche

 Raffaele Lombardo e Gaetano Armao, rispettivamente ex presidente della Regione ed ex assessore alla Presidenza, sono stati prosciolti dall'accusa di abuso d’ufficio e falso dal giudice per l'udienza preliminare Nicola Aiello.  Il pm Enrico Bologna contestava loro la nomina di tre consulenti esterni all'amministrazione, avvenuta a suo avviso in modo irregolare.

Questo perchè in Regione, secondo l'accusa, c'erano già professionalità analoghe interne e la loro chiamata a palazzo avrebbe provocato una spesa indebita di oltre duecentomila euro. I due imputati si sono difesi sostenendo che non c’era alcuna prova della illegittimità delle nomine, previste dalla legge e ammesse in base al principio di discrezionalità della pubblica amministrazione. Ed alla fine è arrivato il giudizio che ha accolto la loro tesi difensiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento