Raffaele Lombardo: in aula per voto di scambio, il boss non depone

Secondo l'accusa il Governatore avrebbe chiesto al boss Di Dio sostegno elettorale incontrandolo personalmente. Il boss, durante l'udienza del giudice monocratico Michele Fichera, si è avvalso della facoltà di non rispondere

Questa mattina nell'aula bunker di Bicocca, dove si tiene il processo per voto di scambio a carico del presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo e di suo fratello Angelo deputato nazionale Mpa, si sarebbero dovuti ascoltare, come test citati a deporre,  Rosario Di Dio, ritenuto il boss mafioso di Ramacca e un ufficiale del Ros dei carabinieri.

Di Dio, collegato in videoconferenza dal carcere dov'è detenuto al 41 bis, si è avvalso della facoltà di non rispondere, in quanto imputato di reato connesso. Secondo l'accusa il 26 maggio del 2009 Raffaele Lombardo si sarebbe recato a casa di Di Dio a Ramacca per chiedergli sostegno elettorale. Questo evento è sempre stato  negato dal Presidente, il quale ha invece ammesso di aver incontrato Di Dio in un distributore di benzina di cui è gestore.

E' attualmente in corso, invece,  la deposizione dell'ufficiale dei Ros che ha svolto le indagini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento