menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine dal video delle indagini

Immagine dal video delle indagini

Ricettazione e riciclaggio di rame, in 5 finiscono agli arresti domiciliari

Un’articolata filiera di commercializzazione del citato metallo, in cui il momento del “furto” e della “ricettazione” rappresentavano solo l’anello di una catena illegale ben più complessa: il rame di provenienza delittuosa veniva reimmesso nel mercato attraverso un percorso di “ripulitura”

Questa mattina, la polizia su delega della Procura etnea, ha dato esecuzione a un'ordinanza di misura cautelare ( emessa il 28 dicembre 2015 dal Gip del Tribunale di Catania) nei confronti di 5 persone.

Si tratta di arresti domiciliari per Lo Miglio Giuseppe, Lo Miglio Vincenzo, Santagati Francesco, Santagati Vincenzo e R.B., per il quale è stato disposto l’obbligo di dimora nel comune di residenza.

IL VIDEO DELLE INDAGINI

Sono ritenuti responsabili del reato di ricettazione di rame. Il provvedimento accoglie gli esiti di un’attività investigativa, anche di natura tecnica, coordinata dalla Procura della Repubblica di Catania e condotta dalla Squadra Mobile - Sezione Reati contro il Patrimonio - in collaborazione con personale della Polizia Provinciale di Catania, nell’arco temporale dicembre 2012 - maggio 2013, che ha consentito di individuare un’articolata filiera di commercializzazione del metallo, in cui il momento del “furto” e della “ricettazione” rappresentavano solo l’anello di una catena illegale ben più complessa, atteso che il rame di provenienza delittuosa veniva reimmesso nel mercato attraverso un percorso di “ripulitura” che avveniva grazie al passaggio, in conferimento - attraverso la predisposizione di documentazione fittizia (fatture, documenti di trasporto, etc) - da azienda ad azienda, in modo da determinarne la confusione con quello legittimamente acquisito.

Le indagini hanno consentio di accertare che il rame, di provenienza illecita, veniva ricettato e riciclato attraverso una serie di passaggi gestiti in modo organizzato e sistematico che aveva come punto di inizio il singolo ricettatore o ladro di cavi di rame e quale destinatario finale l’azienda di raccolta di metalli che, unendo partite di provenienza lecita con altre di provenienza illecita, faceva grossi carichi che inviava presso industrie di fusione del metallo del nord Italia.

La tecnica fraudolenta utilizzata dai gestori delle aziende interessate era quella di simulare l’acquisto del metallo rosso puro sotto forma di cavi di rame con quello di rottami di rame o altro materiale ferroso. L’attività trae origine da un controllo, eseguito nell’ambito di iniziative volte a contrastare il fenomeno criminale dei furti di rame da personale della Sezione Reati contro il Patrimonio della Squadra Mobile e della Polizia Provinciale nel dicembre 2012, nei pressi di una ditta di raccolta di materiale ferroso di via Gelso Bianco riconducibile ai Lo Miglio Giuseppe e Vincenzo, nel corso del quale all’interno di un’autovettura veniva rinvenuto un ingente quantitativo di cavi di rame, risultato provento di furto, perpetrato nei giorni precedenti in territorio del comune di Priolo (SR), ai danni della società di telefonia Telecom.

Le attività tecniche, non disgiunte da controlli documentali, hanno così permesso di appurare che la ditta dei fratelli Lo Miglio costituiva un collettore del prezioso metallo che, dopo averlo ricevuto per il tramite di una società di trasporti catanese, lo trasferiva ad altra ditta, con sede a Misterbianco, riconducibile ad altri due destinatari del provvedimento, ovvero i fratelli Santagati Vincenzo e Santagati Francesco. Ai fratelli Lo Miglio ed ai fratelli Santagati, per i quali il Gip ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari, sono stati contestati rispettivamente ai primi  9 ed ai secondi  4 episodi di ricettazione di rame commessi tra il dicembre del 2012 ed il marzo del 2013.

Inoltre, ai Lo Miglio sono stati contestati anche episodi di ricettazione di tombini in ghisa e rispettivi alloggiamenti per lo scolo delle acque di provenienza furtiva. Nei confronti di Riolo Biagio, cui è stato contestato un singolo episodio di ricettazione commesso tra il 24 ed il 29 gennaio 2013, il Gip ha disposto la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di residenza. Nel corso delle indagini sono stati sequestrati oltre 6.000 chili di rame e materiale ferroso di provenienza illecita. I profitti derivanti dall’attività illecita, calcolati nell’anno 2012, ammontano a euro 250.000,00.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Sicurezza

Fughe delle piastrelle: i prodotti da utilizzare

social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento