Randazzo: un'estetista era il tramite della banda che rapinava le ville

Il gruppo era composto da elementi di Randazzo. L'estetista, con il suo lavoro ''porta a porta'' raccoglieva e passava agli altri componenti della banda notizie sulle abitudini dei padroni delle case prese di mira

Scoperta una banda che, utilizzando un'estetista come preziosa fonte di informazione, svaligiava ville e appartamenti. Il gruppo era composto da elementi di Castelbuono, Altavilla Milicia, Bompietro e di Randazzo.

I rapinatori, in alcuni casi, facevano ricorso a metodi violenti. Un'anziana donna, infatti, è stata assalita e ridotta in fin di vita sul pianerottolo di casa. Nove le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Termini Imerese, Angela Lo Piparo. Sei sono finiti in carcere, altri tre agli arresti domiciliari.

Nel corso dell'operazione ''Moonlight'', in preparazione da qualche mese, sono stati sequestrati molti oggetti preziosi e perfino armi. Da tempo i componenti della banda erano stati individuati e tenuti sotto osservazione con intercettazioni telefoniche.

La figura centrale della banda era costituita dal titolare di un negozio di ricambi per moto di Castelbuono. La sua compagna, che svolge la professione di estetista, con il suo lavoro ''porta a porta'' raccoglieva e passava agli altri componenti della banda notizie sulle abitudini dei padroni delle case prese di mira. Era lei, secondo le indagini condotte dagli uomini del commissario Manfredi Borsellino, a fare da ''apripista'' ai rapinatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In uno dei raid la banda era riuscita a rubare un arsenale di fucili regolarmente detenuti. Le armi erano state nascoste e sono state ora recuperate. I preziosi trafugati venivano poi fusi e smerciati con la complicita' del titolare di un negozio di ''compro oro'' di Petralia Sottana

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento