Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Randazzo

Randazzo, ricostruzione post bellica: lo Stato chiede un milione di euro al Comune

Nel 1945 il Randazzo fu inserito nell'elenco dei Comuni maggiormente danneggiati dalla guerra e per questo ottenne un prestito per la ricostruzione con il territorio diviso in nove lotti: per tre di loro i soldi non sono stati pagati e lo Stato, adesso, ne chiede la restituzione con gli interessi maturati

Quasi un milione di euro per la ricostruzione di parte della città di Randazzo, demolita dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. E' il "conto" presentato dallo Stato al piccolo Comune alle pendici dell'Etna: una cartella esattoriale da 964.336,23 euro notificata al sindaco Michele Mangione.

Nel 1945 il Randazzo fu inserito nell'elenco dei Comuni maggiormente danneggiati dalla guerra e per questo ottenne un prestito per la ricostruzione con il territorio diviso in nove lotti: per tre di loro i soldi non sono stati pagati e lo Stato, adesso, ne chiede la restituzione con gli interessi maturati.

Il primo cittadino ha fatto sapere come "pagare vorrebbe dire decretare il fallimento del Comune ed è paradossale pensare che è lo Stato che ci affossa". Il Comune di Randazzo valuterà con i propri legali i passi necessari da fare visto che, ha infine osservato il sindaco Mangione con ironica amarezza, "non ci ha distrutti la guerra e non vorremmo che a farlo fosse lo Stato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Randazzo, ricostruzione post bellica: lo Stato chiede un milione di euro al Comune

CataniaToday è in caricamento