Rapinano una banca a Mestre, 5 catanesi in manette

Sono entrati in azione alla Banca di credito popolare di Marcon-Venezia a Chirignano e hanno portato via un bottino di 81 mila eur0. Si è trattato di un gruppo di trasfertisti arrestati in flagranza

In meno di 15 minuti 5 catanesi in trasferta a Mestre sono stati arrestati in flagranza di reato per aver rapinato una banca. Per l'esattezza hanno fatto irruzione nella banca di credito coopertativo Marcon-Venezia a Chirignano, portando via un bottino di 81 mila euro. Erano in sei, 5 catanesi in trasferta e un basista veneziano..

 Nel pomeriggio di ieri, intorno alle 15.30 uno di loro è rimasto fuori a fare il palo, mentre altri 3 hanno fatto irruzione nell'istituto di credito immobilizzando impiegati e clienti e strattonando un cassiere. Dopo aver prelevato i soldi sono scappati a bordo di una piccola auto noleggiata sull'isola. I malviventi però hanno compiuto tutta la rapina a volto scoperto e sono stati ripresi dalle telecamere. Le pattuglie sono entrate in azione immediatamente e gli investigatori del gruppo anticrimine Mestre- Marghera hanno ricevuto informazioni dai colleghi di Firenze e individuato il covo dei rapinatori. I malviventi si trovavano a casa del basista veneziano N.B, ex guardia giurata 41enne dove gli agenti hanno fatto irruzione.

All'interno sono stati trovati tutti e 6 i malviventi, due di loro non avevano partecipato direttamente alla rapina, intenti a contare i soldi, con tracce di colla sulle mani. Sono scattate le manette per D.M. (23 anni), D.A. (43 anni), O.M. (36 anni), G.A. (24 anni, unico incensurato), A.A. (21 anni), tutti catanesi. A quest'ultimo è stato anche notificato un ordine di carcerazione a 2 anni e 4 mesi di reclusione per reati contro il patrimonio compiuti in passato, quando era minorenne. Tre di loro appartengono alla stessa famiglia, padre e due figli.

Tutti e sei sono stati arrestati con l'accusa di rapina aggravata in concorso e subito portati nelle carceri di Santa Maria Maggiore a Venezia e Santa Bona a Treviso. Intanto le indagini proseguono per capire se il gruppo possa aver portato a segno altri colpi in passato, sfruttando le informazioni fornite dall'ex guardia giurata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento