Fino a Saronno per rapinare una banca, presi i "pendolari" della rapina

Da Catania a Saronno per rapinare una banca, con la speranza di non essere riconosciuti. I due "pendolarI"della rapina sono stati arrestati dai carabinieri

Da Catania a Saronno per rapinare una banca, con la speranza di non essere riconosciuti. I due "pendolarI"della rapina sono stati arrestati dai carabinieri, che li hanno individuati grazie ai filmati delle telecamere di videosorveglianza.

L'episodio risale allo scorso luglio, quando due uomini erano entrati disarmati e a volto scoperto in una filiale del Monte dei paschi di Siena a Saronno e, dopo aver minacciato gli impiegati, si erano fatti consegnare 4.200 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due siciliani, di 39 e 48 anni, entrambi con precedenti per rapina, sono stati individuati dai carabinieri grazie a un confronto fra le foto segnaletiche e i filmati delle telecamere di videosorveglianza e al riconoscimento da parte di alcuni testimoni. Secondo le ricostruzioni, i due avrebbero raggiunto Milano in aereo e, poche ore dopo il colpo, sarebbero ritornati in Sicilia partendo dallo scalo di Parma. Sono stati portati rispettivamente nelle carceri di Messina e Catania, e dovranno rispondere dell'accusa di rapina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: scoperto un nuovo caso

Torna su
CataniaToday è in caricamento