Gambiano ubriaco tenta una rapina, ma un secondo straniero lo ferma

Il "colpo" è fallito grazie anche all’intervento di un altro cittadino straniero, rimasto sconosciuto, che è intervenuto in difesa del rapinato

Gli agenti delle volanti hanno arrestato l’autore di una tentata rapina avvenuta intorno alle ore 7 di ieri mattina in via Luigi Sturzo. L’autore, un pregiudicato gambiano di nome di Jaieth Lamin, ha agito in stato di ebbrezza alcolica. Ha avvicinato un cittadino dell’hinterland catanese che stava parlando al cellulare e lo ha minacciato con una bottiglia rotta, allo scopo di farsi consegnare l’apparecchio telefonico. La vittima del tentativo di rapina ha opposto un netto rifiuto, innescando una reazione del gambiano che ha cercato di mettere le mani nelle tasche dell'uomo, alla ricerca del cellulare.

Il tentativo non è per nulla riuscito, grazie anche all’intervento di un altro cittadino straniero, rimasto sconosciuto, che è intervenuto in difesa del rapinato, disarmando e allontanando il gambiano. Dopo la chiamata al 112, una volante è giunta sul posto e ha bloccato il rapinatore il quale, evidentemente ubriaco, non si era nemmeno allontanato dal posto. Accertamenti successivi, oltre alla reale identità del gambiano, ne hanno accertato i precedenti di polizia per spaccio di stupefacenti e l’irregolare sua presenza sul territorio nazionale. I poliziotti intervenuti hanno condottoJaieth in questura dove e lo hanno posto in stato di fermo. Il pm ne ha disposto l’accompagnamento presso il carcere di piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento