Rifornimento "gratis" e rapina al distributore Esso di Santa Venerina

Due malviventi si sono fatti consegnare con la forza 50 euro, pretendendo, inoltre, di non pagare i 10 euro per la benzina precedentemente immessa nel serbatoio dell'auto. Arrestati

Rapina, questa notte, nel distributore della Esso di Via Stabilimenti 282 a Santa Venerina dove due malviventi, con la scusa di fare del carburante alla Lancia Y sulla quale viaggiavano, a volto scoperto e senza armi, hanno minacciato e strattonato i due giovani addetti al rifornimento costringendoli a consegnare loro 50 euro e pretendendo, inoltre, di non pagare i 10 euro per la benzina precedentemente immessa nel serbatoio dell’auto.

Pagano Massimo nato a Giarre il 05.12.1977-2

Pagano Massimo

Fuggiti proprio a bordo della Lancia Y, grazie alla immediata telefonata al 112 da parte delle vittime e alle indagini dei militari, nel giro di qualche ora, tramite le immagini registrate dal sistema di video sorveglianza, installato nel distributore, i due criminali sono stati individuati e braccati. Al momento della cattura stavano cercan di rientrare nelle loro abitazioni.

L'operazione è stata condotta dai carabinieri della stazione di Santa Venerina, coadiuvati dai colleghi del nucleo operativo della compagnia di Giarre. In manette sono finiti il 38enne Pagano Massimo ed il 40enne Musumeci Vincenzo, entrambi pregiudicati di Giarre, colpevoli di rapina aggravata in concorso. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati rinchiusi nel carcere di Piazza Lanza a Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento