Rapinò una gioielleria nel 2010: arrestato in una comunità terapeutica

Il malvivente è stato fermato dai carabinieri a Viagrande con l'accusa di avere rapinato un negozio di Taormina. L'uomo è stato trasferito nel carcere di Piazza Lanza

Un uomo di 35 anni, R.P., è stato arrestato dai carabinieri a Viagrande perché ritenuto l'autore di una rapina compiuta nel 2010 ai danni di una gioielleria di Taormina, in provincia di Messina.

L'uomo stava scontando gli arresti domiciliari in una comunità terapeutica e qui gli è stato notificato un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla Corte di appello di Catania. Il malvivente è stato trasferito nel carcere di Piazza Lanza.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento