Tentano rapina ad una gioielleria di Mascalucia: tre persone arrestate

Nella serata di ieri, due individui, apparentemente coniugi, hanno fatto ingresso con fare disinvolto in una gioielleria di via Etnea, a Mascalucia. Il gestore ha, però, azionato l'allarme collegato con i Carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Gravina di Catania hanno tratto in arresto S.D., 34enne, pregiudicato, catanese, ed un’incensurata P. S., 25enne, di Catania, per tentata rapina aggravata in concorso.

Nella serata di ieri, due individui, apparentemente coniugi, hanno fatto ingresso con fare disinvolto in una gioielleria di via Etnea, a Mascalucia. Appena oltrepassato l’ingresso, l’uomo ha estratto una pistola, rivelatasi poi essere un giocattolo, e ha minacciato il titolare dell’oreficeria perchè gli consegnasse l’oro custodito nella cassaforte. Il gestore, di contro, non si e’ lasciato intimorire dall’arma e con prontezza di riflessi ha subito azionato il pulsante di allarme collegato con i Carabinieri.

I due malfattori, vistisi scoperti, hanno allora desistito dal proposito criminale ed hanno tentato, vanamente, la fuga in quanto, mentre cercavano di uscire dalla bussola del negozio sono sopraggiunti i Carabinieri, che li hanno arrestati.

In quei frangenti, altri due complici, rimasti a fare da palo a bordo di una automobile parcheggiata a poca distanza dalla gioielleria, alla vista dei militari si sono subito dileguati. Immediate sono scattate le ricerche dell’auto che si era allontanata a folle velocità; tutte le pattuglie della Compagnia di Gravina di Catania presenti sul territorio hanno predisposto immediatamente posti di controllo lungo le principali arterie di comunicazione, mentre altri militari si sono messi alla ricerca dei fuggitivi.

La serrata attività investigativa ha portato al rintraccio, nelle prime ore del mattino, di uno dei due fuggitivi il quale nel frattempo si era rifugiato presso le propria abitazione con la convinzione di averla fatta franca. Anche per lui e’ scattato l’arresto. Ora tutti e tre dovranno rispondere del delitto di tentata rapina aggravata. Il quarto individuo è ancora ricercato dai Carabinieri.

Per S.D., tra l’altro, la posizione nei confronti della giustizia risulta aggravata dall’esito di un’attività investigativa pregressa della Compagnia di Gravina che lo individuerebbe quale uno degli autori della rapina perpetrata il 3 febbraio scorso ai danni di una gioielleria a San Pietro Clarenza, nel corso della quale i malviventi riuscirono ad appropriarsi di gioielli e monili in oro per un valore di 100.000,00 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Assessore Razza: "Sospetto caso positivo a Catania"

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • In arrivo oltre duecento assunzioni all'aeroporto di Catania

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

Torna su
CataniaToday è in caricamento