Armati di fucile rapinano supermercato di Santa Venerina, arrestati

I malviventi si erano recati, secondo la ricostruzione dei carabinieri, sul posto a bordo di una Volkswagen Golf. Sono ritenuti responsabili di rapina aggravata, ricettazione e armi

Sarebbero due gli autori della rapina messa a segno il 18 febbraio scorso nel supermercato Eureka-Conad a Santa Venerina.  Vassallo Danilo, 23enne, e Laudani Alfio, 22enne, entrambi già ai domiciliari, ieri notte sono stati arrestati e portati stavolta in carcere dai carabinieri del nucleo investigativo del reparto operativo, che hanno dato esecuzione a due ordini di carcerazione emessi dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Catania.

LAUDANI ALFIO 16081992-2I malviventi si erano recati sul posto a bordo di una Volkswagen Golf. Sono ritenuti responsabili di rapina aggravata, ricettazione e armi.

RICOSTRUZIONE DEI FATTI. In quella circostanza i due furono arrestati dai carabinieri, poiché di sera, a bordo di una Volkswagen Golf, si recarono a Santa Venerina, nella frazione Linera e rapinarono il supermercato Eureka-Conad. Il primo con il volto scoperto ed armato di fucile a canna mozzata entrò all’interno del supermercato puntando l’arma all’indirizzo della cassiera costringendola a consegnargli 300 euro contenuti nella cassa.

I militari subito intervenuti avviarono delle accurate indagini ed acquisirono le immagini registrate dall’impianto di video sorveglianza installato e le testimonianze dei clienti presenti nel supermercato che permisero di identificare e rintracciare i malviventi rinvenendo e sequestrando la carabina ad aria compressa con matricola abrasa e canna mozzata, utilizzata durante la rapina.

VASSALLO DANILO 15121993-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento