Rapinano distributore di benzina, incastrati dalle immagini

I carabinieri hanno rintracciato e arrestato Antonino Impellizzeri e Giuseppe Marino, si nascondevano in un casolare

I carabinieri di Acireale hanno arrestato Antonino Impellizzeri del 1977 di Valverde e Giuseppe Marino del 1982 di Aci Catena, ritenuti responsabili del concorso in rapina aggravata e ricettazione.

Alle 8.00 circa di lunedì 4 marzo, i due, giunti a bordo di una Fiat Uno all’interno dell’area di servizio della Esso di via Nizzeti ad Aci Catena, armati di pistola e con il volto travisato da passamontagna, sono scesi dall’auto e sotto la minaccia dell’arma, hanno strappato dalle mani di una impiegata il denaro appena incassato dai clienti, per poi dirigersi dentro gli uffici del distributore dove hanno letteralmente sradicato il registratore di cassa per caricarlo sull’auto e fuggire via.  

Gli investigatori del nucleo operativo, intervenuti sul posto a seguito di chiamata al 112, analizzando le immagini registrate dalle telecamere di sicurezza attive nel distributore, attraverso le caratteristiche antropometriche degli autori del reato, ed una conoscenza approfondita dei soggetti della zona dediti alla commissione di reati contro il patrimonio, hanno indirizzato le indagini nei confronti di due personaggi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari operanti si sono immediatamente recati nelle abitazioni dei sospettati, entrambi risultati assenti, per poi, dopo una brevissima ma proficua attività info – investigativa, dirigersi verso una zona rurale di contrada Fossazze a Piano d’Api, frazione del comune di Acireale, luogo in cui, dopo aver circondato un casolare, sono riusciti a stanare e catturare i due sospettati. I carabinieri, oltre a recuperare parte della somma rapinata, circa 200 euro, e l’autovettura utilizzata per commettere il reato, risultata rubata ad Acireale l’1 marzo scorso, hanno fornito al magistrato di turno della Procura della Repubblica etnea ulteriori elementi di prova, consistenti negli indumenti e le scarpe indossate dagli arrestati che, messe a confronto con quelle vestite dagli autori della rapina, sono risultate identiche per forma, colore e marca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento