Rapinano un anziano di auto e soldi, fermati quattro giovani tra cui un minore

I malviventi hanno bloccato l’anziano con un’altra auto, lo hanno minacciato e intimorito, prendendo a calci la portiera laterale sinistra dell’auto ed infrangendo il finestrino posteriore, costringendolo così a scendere dal veicolo, per poi derubarlo dell’auto, del cellulare e della somma contante di 1300 euro

I carabinieri della stazione di Licodia Eubea, con la collaborazione dei militari di Caltagirone e della Stazione di Grammichele, hanno rintracciato e sottoposto a fermo d’indiziato di delitto Dario Amato, 24enne,  Frenk Di Stefano, 21enne, T.L.G., 23enne, ed un 17enne, tutti di Grammichele, già conosciuti alle forze dell’ordine, per rapina aggravata in concorso e ricettazione in concorso.

Già da alcuni giorni i militari del Comando Compagnia di Caltagirone erano impegnati in servizi straordinari di controllo del territorio al fine di prevenire e contrastare la commissione di reati contro il patrimonio e la persona, setacciando in particolare casolari abbandonati, zone isolate ed anfratti della giurisdizione che ben si predispongono come basi per pianificare azioni delittuose e fungere da deposito per l’occultamento della refurtiva.

Nel contesto di tali servizi i Carabinieri hanno avviato e concluso un’articolata attività investigativa accertando che gli arrestati, alle ore 8 circa del 5 scorso, hanno bloccato e rapinato in contrada Quattro Poggi un 86enne mentre era a bordo della sua Fiat Punto ed usciva da un terreno di sua proprietà.

In particolare, i malviventi hanno bloccato l’anziano con un’altra auto, lo hanno minacciato e intimorito, prendendo a calci la portiera laterale sinistra dell’auto ed infrangendo il finestrino posteriore, costringendolo così a scendere dal veicolo, per poi derubarlo dell’auto, del cellulare e della somma contante di 1300 euro.

La stessa vittima, poco dopo ha raggiunto il centro abitato, ed ha denunciato l’accaduto ai Carabinieri che, raccolti tutti gli elementi utili al fine di identificare i quattro malviventi, hanno attivato immediatamente le ricerche dei fuggitivi, che nell’ambito del servizio predisposto da giorni con diverse pattuglie, sono stati rintracciati e fermati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante le operazioni e ricerche i militari hanno rinvenuto, in un casolare abbandonato in contrada Fontanelle, anche la Fiat Punto ed il cellulare, rapinati poco prima, insieme ad una Renault Clio, rubata a Licodia Eubea alcuni giorni prima, che sono stati restituiti ai legittimi proprietari. Le indagini sono ancora in corso al fine di accertare se i fermati siano responsabili di altri reati analoghi condotti con lo stesso modus operandi. I fermati sono stati associati nel carcere di Caltagirone, a eccezione del minore che è stato accompagnato nel centro di Prima Accoglienza in via Franchetti a Catania, a disposizione delle rispettive Autorità Giudiziarie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento