Mettevano a segno rapine con auto a noleggio: arrestati 3 catanesi

I rapinatori raggiungevano la provincia di Bergamo per mettere a segno i colpi, sette in totale, tra il settembre 2015 e il novembre 2016. In totale hanno "incassato" 150 mila euro

Sono accusati in totale di sette 'colpi' messi a segno in provincia di Bergamo tra il settembre 2015 e il novembre 2016 quattro rapinatori arrestati in Sicilia e Toscana al culmine di un'operazione dei carabinieri di Treviglio: si tratta di Matteo Antonio Salvatore Riso, 24 anni, di Catania, dove era già ai domiciliari, Salvatore Ettore Pandetta, 25 anni, di Mascalucia, ai domiciliari in una comunità a Salemi, Giacomo Santoro, 34 anni, di Messina, già detenuto nel carcere di Massa, e Giuseppe Aiello, 37 anni, di Misterbianco, l'unico ancora a piede libero.

"Si tratta di professionisti delle rapine", ha spiegato questa mattina il procuratore di Bergamo Walter Mapelli, durante una conferenza stampa al comando provinciale dell'Arma. I rapinatori infatti raggiungevano la provincia di Bergamo per mettere a segno i colpi utilizzando auto a noleggio. Dopodiché tornavano al Sud: complessivamente hanno incassato circa 150 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento