Doppio colpo in gioielleria da oltre un milione di euro, arrestato rapinatore

E' accusato di rapina aggravata perpetrata il 25 febbraio 2015, in concorso con altri, ai danni di una nota gioielleria della città. Altra rapina commessa in data 25 giugno 2015 ai danni di altra gioielleria, questa volta a Riposto. Sequestro di persona a scopo di estorsione l'ultima accusa

E' accusato di rapina aggravata perpetrata il 25 febbraio 2015, in concorso con altri, ai danni di una nota gioielleria della città. Rapina commessa in data 25 giugno 2015 ai danni di altra gioielleria, questa volta a Riposto. Sequestro di persona a scopo di estorsione, commesso il 7 settembre, ai danni del direttore di filiale di un istituto di credito di Catania, costretto a salire a bordo di un’autovettura e rilasciato dopo il pagamento della somma di 60 mila euro prelevata da un dipendente dello stesso istituto bancario. 

Le indagini coordinate dalla procura della Repubblica e condotte dalla sezione reati contro il patrimonio - Squadra Antirapine hanno permesso di acquisire univoci e concordanti indizi di reità a carico di Dario Giuseppe Muntone, 30 anni.

In occasione delle rapine alle gioiellerie Muntone, sotto la minaccia di una pistola semiautomatica, aveva rubato gioielli ed orologi, in particolare a Catania 93 orologi e diversi oggetti preziosi dal valore complessivo di circa 1 milione e cinquecentomila euro mentre a Riposto gioielli quantificati in 250 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento