Corso Italia: auto contro vetrine per sfondare e derubare i negozi

Quella che, prima, era considerata la zona " in" di Catania, ovvero Corso Italia, è caduta nella morsa della criminalità. Furti e rapine continuano a seminare il panico

Quella che, prima, era considerata la zona " in" di Catania, ovvero Corso Italia, è caduta nella morsa della criminalità. Furti e rapine continuano a seminare il panico. Il "triangolo" in questione è, precisamente, quello che comprende il Corso Italia, piazza Corsica, via Martino Cilestri. E i commercianti sono scesi in campo.

Giovanni La Magna, consigliere della circoscrizione di "Borgo Sanzio", ha dichiarato: "I controlli, in questa zona, sono carenti. I commercianti si sentono abbandonati perchè le istituzioni sono assenti". E ancora, Antonio Stimoli: " Non sentiamo l'appoggio delle autorità e le forze dell'ordine intervengono in nostro aiuto con ritardi di ore dal momento della rapina".

La dinamica delle rapine nei negozi, da qualche mese, è sempre la stessa: sfondare le vetrine con le auto-ariete. E' successo al negozio Trussardi di Via Etnea, la scorsa settimana. E anche in via Padova, Via Cagliari, Via Milano.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

  • Coronavirus, in Sicilia si fermano i decessi: 4 nuovi casi a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento