Reati elettorali, Riccardo Pellegrino: "Resto candidato sindaco"

"Non mi ritiro e resto candidato a sindaco della lista Civica ‘Un cuore per Catania’. Riprenderò con ancor più determinazione", spiega il consigliere comunale

"Ho piena e assoluta fiducia nell’operato della magistratura, a cui riconosco rigore e serietà. Confido altresì nello sviluppo rapido dell’azione giudiziaria, che non potrà non confermare la mia estraneità a qualunque condotta di natura penale”. Così il consigliere comunale di Forza Italia e candidato a sindaco di Catania, Riccardo Pellegrino, commenta la notizia dell'inchiesta della Procura etnea che lo vede indagato per una presunta compravendita di voti nell’ambito delle scorse elezioni Regionali.

“Resto a disposizione dei magistrati - prosegue Pellegrino - per fornire ogni chiarimento sui fatti contestatemi, in merito ai quali non aggiungo altro per l'elementare doveroso rispetto per il lavoro che sta svolgendo all'autorità giudiziaria. Sono sereno e tranquillo perché certo che tutto sarà chiarito rispetto a questioni con le quali non c'entro assolutamente. Per questa ragione proseguirò l’ impegno ormai decennale a favore della mia città. Dunque, non mi ritiro e resto candidato a sindaco della lista Civica ‘Un cuore per Catania’. Subito dopo le festività Pasquali, riprenderò con ancor più determinazione e convinzione la campagna elettorale tra i catanesi e per i catanesi. Avrò così modo di spiegare ai cittadini, che potranno così giudicarmi. Mi auguro infine che si ponga termine ad attacchi politici e personali strumentali, in alcuni casi anche violenti, al di fuori di ogni regola di semplice civiltà”, conclude Pellegrino.

Le indagini della Procura

Sono due i faldoni d'inchiesta aperti dalla Procura distrettuale di Catania: una che contesta il voto di scambio, e per cui sono in corso perquisizioni da parte della Dia, e un'altra che ipotizza la corruzione elettorale che è già nella fase della conclusione delle indagini preliminari. Il 'faro' è stato acceso sulla campagna elettorale per le scorse Regionali. L'avviso di conclusione indagine tratta il presunto sostegno dato, con la "consegna di denaro" e il "pagamento di 50 euro a voto", per "ottenere consensi in favore di Riccardo Pellegrino", che era candidato nelle liste di Forza Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dodici complessivamente i destinatari dell'avviso di conclusione indagine. Oltre a Pellegrino, Maesano e Susinni, ci sono anche Gesualdo Briganti, Antonino Castorina, Orazio Sebastiano Cutuli, Salvatore Di Benedetto, Antonio Di Benedetto, Ivan Andrea Guarrera, Salvatore Gulisano e Filippo Pellegrino“

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento