menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Reato elettorale, Lombardo non si presenterà al processo

"Domani sarò a Roma per impegni istituzionali, in Tribunale andranno i miei avvocati". Lo ha dichiarato il Presidente della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo

"Domani sarò a Roma per impegni istituzionali, in Tribunale andranno i miei avvocati". Lo ha dichiarato il Presidente della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo, rispondendo ai giornalisti sulla prima udienza a Catania del processo che lo vede indagato per reato elettorale dopo che la Procura ha derubricato quello inizialmente contestato di concorso esterno in associazione mafiosa.

"Credo che domani si cominceranno a esaminare le prove", ha aggiunto, "dopo di che ci saranno degli approfondimenti". Il governatore si sarebbe dovuto presentare domani, mercoledì 14 dicembre, davanti alla quarta sezione del giudice monocratico di Catania, presieduta da Michele Fichera per la prima udienza del processo per reato elettorale che oltre a lui coinvolge anche suo fratello Angelo, deputato nazionale del Mpa.

Il procedimento riguarda le elezioni alla Camera del 2008 e la campagna elettorale per fare eleggere Angelo Lombardo, nasce da uno stralcio dell'inchiesta Iblis su presunti rapporti tra mafia, politica, pubblica amministrazione e imprenditoria dopo indagine avviate da carabinieri del Ros su Cosa nostra di Catania. La posizione dei due fratelli Lombardo è stata stralciata dal fascicolo principale e l'accusa iniziale di concorso esterno all'associazione mafiosa, per quale è pendente una richiesta di archiviazione all'ufficio del Gip, è stata derubricata in reato elettorale con la citazione a giudizio diretta disposta dalla Procura davanti al Tribunale monocratico.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento