Reclutò connazionale minorenne per farla prostituire, arrestata nigeriana

L’attività di indagine è stata avviata in seguito alla denuncia di una cittadina nigeriana minorenne, giunta in Italia a seguito di un viaggio clandestino via mare

Una nigeriana di 32 anni, Vivian Oriakhi, è stata fermata a Catania dalla polizia di Stato per tratta di persone, in concorso con stranieri. La cittadina straniera è accusata di avere reclutato, introdotto, trasportato e ospitato nel territorio dello Stato una connazionale minorenne per costringerla o indurla ad esercitare la prostituzione, esponendola ad un grave pericolo per la vita e l’integrità fisica ed al fine di sfruttarne la prostituzione.

L’attività di indagine è stata avviata in seguito alla denuncia di una cittadina nigeriana minorenne, giunta in Italia a seguito di un viaggio clandestino via mare.

La ragazzina, reclutata nel paese di origine, sottoposta a rituali magico esoterici per vincolarla all’osservanza, sarebbe stata condotta dalla Nigeria sino alla Libia, e qui piazzata in "connection houses" sorvegliata da persone armate e, quindi, fatta imbarcare su un gommone insieme ad altri 120 migranti.

L’indagata è stata rintracciata presso il Cara di Mineo, nel catanese, dove si era abusivamente introdotta, dopo essere fuggita dalla località in cui dimorava temendo di essere ricercata. L’arrestata è stata condotta nel carcere di Piazza Lanza, a Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento