menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Reddito di cittadinanza, si parte oggi: come compilare i moduli

Le domande potranno essere presentate sia alle Poste che nei Caf, ma ovviamente chi ha dimestichezza con internet e i pc potrà fare richiesta anche on line

Oggi al via alle domande per chiedere il sussidio. Le domande potranno essere presentate sia alle Poste che nei Caf, ma ovviamente chi ha dimestichezza con internet e i pc potrà fare richiesta anche on line. L'Inps ha pubblicato sul proprio sito tre modelli per la richiesta disponibili online a questo link identificati con le sigle SR180, SR181 e SR182, ognuno da utilizzare per un determinato scopo.

Di questi tre è quello denominato come SR180 a dover essere utilizzato per la richiesta. Si tratta di un modulo formato da 9 pagine, suddiviso in due parti: nella prima - da leggere attentamente - sono indicate solamente le regole per il funzionamento del RdC, mentre nella seconda ci sono gli spazi da compilare inserendo le informazioni richieste.

Reddito di cittadinanza, come compilare i moduli

Ma come va compilato il modulo per chiedere il reddito di cittadinanza? Vediamolo insieme. Nel Quadro A vanno indicati tutti i dati del richiedente, ossia di colui al quale sarà intestata la carta rilasciata da Poste Italiane; nel Quadro B invece bisogna barrare tutte le caselle nelle quali si dichiara di soddisfare i requisiti per il reddito di cittadinanza. Rispettivamente il Quadro C e D sono riservati ai requisiti economici e familiari: non bisogna però specificare gli importi dei patrimoni mobiliari e immobiliari, visto che sarà l'Inps a recuperare questi dati dall'ultima DSU presentata dal richiedente.

Reddito cittadinanza, ecco come fare domanda

Si deve fare poi molta attenzione al Quadro E, dedicato alle ''Attività lavorative in corso non rilevate dall'ISEE per l'intera annualità''. Se si barra questa voce si dove compilare e presentare anche il modello SR182, nel quale si devono indicare eventuali attività lavorative iniziate dopo il 1° gennaio 2017. Infine, con il Quadro D e F del modello SR180 il richiedente conferma di essere consapevole delle regole da seguire ai fini del mantenimento del beneficio, nonché delle sanzioni previste in caso di non veridicità delle informazioni indicate.

Reddito di cittadinanza, gli altri due moduli

Sul sito dell'Inps sono inoltre disponibili altri due moduli: come accennato sopra il modello SR182 serve per dichiarare eventuali redditi o lavori che non compaiono nell'Isee. C'è poi un terzo modello pubblicato dall'Inps, denominato SR181: questo non va presentato insieme alla domanda (e all'eventuale attestazione di attività lavorative in corso non rilevate dall'ISEE) ma solamente in caso di variazione - durante la fruizione del reddito di cittadinanza - della condizione lavorativa di uno dei componenti del nucleo familiare. I moduli sono scaricabili e compilabili a questo indirizzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Catania arriva PonyU Express: per negozianti e privati

Salute

Bromelina: cos'è, proprietà e benefici

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Etna, sopralluogo di Musumeci: "Un milione a sostegno delle aree più colpite"

  • Cronaca

    Coronavirus, in Sicilia 567 nuovi casi: a Catania +121

  • Politica

    Etna, Musumeci dichiara lo stato di emergenza

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento