Regione, stanziati oltre 3 milioni per i teatri: sperano il Massimo Bellini e lo Stabile

Via libera, dal governo Musumeci, ai finanziamenti per le attività dei teatri pubblici siciliani

Via libera, dal governo Musumeci, ai finanziamenti per le attività dei teatri pubblici siciliani. A disposizione ci sono tre milioni e mezzo di euro del Fondo unico regionale per lo spettacolo, sia per il settore lirico-sinfonico e musicale che per i teatri di prosa e danza. Al primo settore sono destinati 2,7 milioni di euro (pari al 78 per cento dello stanziamento complessivo), al secondo andranno 784mila euro (il 22 per cento delle somme a disposizione). I bandi per accedere ai finanziamenti verranno pubblicati nei prossimi giorni.

"L’attività di valorizzazione e di promozione dell’inestimabile patrimonio culturale che la nostra Regione offre - evidenzia il presidente Nello Musumeci - è da sempre uno degli obiettivi del mio governo. Pur nella difficile congiuntura economica che stiamo attraversando, queste risorse danno una boccata d'ossigeno ai teatri dell’isola, consentendo loro d’incrementare ulteriormente la capacità d’attrazione".

Sono stati, invece, già stati pubblicati da qualche settimana gli avvisi relativi ai finanziamenti per le attività di associazioni, fondazioni ed enti teatrali privati e per l’attività concertistica e bandistica. A disposizione, in questo caso, ci sono due milioni di euro circa. Il termine di scadenza per la richiesta di contributi è il 26 agosto.

Oltre alle somme stanziate, resta “congelato” un altro milione e seicentomila euro, accantonato a causa della riduzione delle autorizzazioni di spesa. Risorse che saranno ripartite - tra soggetti privati (il 65 per cento) e quelli a partecipazione pubblica (35 per cento) - se dopo l’approvazione del Rendiconto generale della Regione dovessero rendersi disponibili.

Sul versante etneo la speranza è che i requisiti per poter accedere al bando e beneficiare delle somme siano "accessibili". Gravissima è la situazione economica del teatro Massimo Bellini e del teatro Stabile e, negli ambienti, si teme che i teatri palermitani - come il Massimo e il Biondo - possano ricevere più finanziamenti a danno dei due enti che sono all'acqua alla gola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già il Fus nazionale ha visto una decurtazione per i due teatri etnei di circa 200mila euro cadauno. Intanto è prevista per domani, lunedì, una conferenza stampa di Grossi, soprintendente del teatro Massimo Bellini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Il Gruppo Arena lancia l’ultimo modello di Superstore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento