Presentato il nuovo regolamento sul decoro urbano: multe per chi sgarra

Servirà a difendere il centro storico, sfregiato da affissioni pubblicitarie e segnaletiche commerciali non autorizzate, o da graffiti su monumenti

Il sindaco Bianco ha ufficialmente presentato il nuovo regolamento del decoro urbano, approvato dalla Giunta il 4 ottobre e diretto in consiglio comunale per l'approvazione finale. "Catania - ha ricordato Bianco - è una delle prime grandi città d'Italia in cui è nata una 'fabbrica del decoro' che mette insieme associazioni di ogni tendenza, promotrici di questo regolamento che ci consentirà di difendere Catania, spesso deturpata da comportamenti inaccettabili e purtroppo non sempre sanzionati: pubblicità invasive, parabole, i rifiut".

"Il regolamento prevede divieti e sanzioni - ha aggiunto l'assessore all'urbanistica Salvo Di Salvo - per difendere in particolar modo il centro storico, sfregiato spesso da affissioni pubblicitarie e segnaletiche commerciali non autorizzate, o da graffiti su monumenti o su palazzi settecenteschi. Ci sarà inoltre uno stretto dialogo con l'università soprattutto per dare sostenibilità ai nodi su cui si poggia il progetto: i laboratori di quartiere come quello svoltosi a San Berillo, dove con i professori Colloca e Gravagno e con Renato Camarda e le associazioni del rione, abbiamo lavorato sui modelli possibili per rilanciare il quartiere"

Per controlli e sanzioni - ha detto infine il sindaco - tutti sanno che non abbiamo molti vigili urbani a disposizione. Agiremo dunque innanzitutto concentrando il nostro sforzo: ci occuperemo per esempio per due o tre settimane di affissioni abusive, utilizzando anche, per le segnalazioni, i volontari delle associazioni di carabinieri e polizia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento