menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La reliquia di Sant'Agata nelle zone colpite dal sisma di Santo Stefano

Alle popolazioni colpite dal sisma sarà devoluta la raccolta della Messa Pontificale del 5 febbraio. L'accesso alle zone più danneggiate è stato possibile grazie alla collaborazione dei carabinieri

Il reliquiario con il braccio di Sant'Agata, Patrona di Catania, è stato portato a Fleri e a Pisano, le due frazioni di Zafferana Etnea, colpite dal terremoto di Santo Stefano, e nelle parrocchie delle due comunità, quella della Madonna del Rosario e quella di San Giuseppe. L'iniziativa è stata del parroco della Basilica Cattedrale di Catania, Mons. Barbaro Scionti, accompagnato dal Maestro del Fercolo, Claudio Consoli, e da alcuni collaboratori, che hanno preso parte alla preghiera del Rosario e alla celebrazione della Santa Messa. Alle popolazioni colpite dal sisma sarà devoluta la raccolta della Messa Pontificale del 5 febbraio. L'accesso alle zone più danneggiate è stato possibile grazie alla collaborazione dei carabinieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

social

Covid-19 e meteo: come le temperature agiscono sul virus

Sicurezza

Bonus antifurto 2021: i requisiti per richiederlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento