Migranti, il relitto della strage di aprile 2015 è ancora in fondo al mare

Nei giorni scorsi è giunta dalla Procura etnea, responsabile dell'inchiesta sul naufragio, la richiesta di condanna a 18 anni per il capitano e 6 per il mozzo

Sono al momento sospese le operazioni di recupero del relitto con a bordo circa 700 migranti affondato ad aprile 2015 al largo della Libia. Itecnici hanno deciso di riposizionare il relitto sul fondale e attendere un miglioramento prima di effettuare un nuovo intervento in sicurezza.

Un nuovo tentativo sarà fatto, meteo permettendo già la prossima settimana. Il peschereccio è a una profondità di 370 metri su un fondale sabbioso, a 85 miglia della costa libica. L'11 maggio il relitto era stato agganciato dal modulo di recupero ed era iniziata la risalita che è stata bloccata quando il barcone era a circa 90 metri dalla superficie. Nei giorni scorsi è giunta dalla Procura etnea, responsabile dell'inchiesta sul naufragio, la richiesta di condanna a 18 anni per il capitano e 6 per il mozzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento