Santa Maria di Licodia, sequestrati un fucile e reperti archeologici

I pesi in pietra hanno un valore archeologico perchè risalenti all'epoca precristiana

Aveva in casa una carabina ad aria compressa, modificata e verosimilmente potenziata oltre i 7,5 joule, e persino 21 pesi in pietra, risalenti all’epoca precristiana. Un 38enne di Santa Maria di Licodia è stato denunciato dai carabinieri per detenzione illegale di materiale archeologico e detenzione illegale di arma comune da sparo. I militari, dopo una breve attività info-investigativa, hanno fatto irruzione nella proprietà del bracciante agricolo in vontrada Canneto, sequestrando il tutto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento