Acireale, riapre al transito via Cefalù dopo i danni del sisma di Santo Stefano

Il provvedimento di chiusura risultò necessario in quanto, a seguito del sisma del 26 dicembre del 2018, crollarono alcuni muri perimetrali

Con ordinanza firmata in data 17 novembre 2020, il comandante della polizia municipale di Acireale, colonnello Antonio Molino, ha disposto la riapertura al transito, veicolare e pedonale della via Cefalù. La strada venne chiusa su entrambi in fronti con ordinanza del 4 gennaio 2019, per ragioni di sicurezza. Il provvedimento risultò necessario in quanto, a seguito del sisma del 26 dicembre precedente, crollarono alcuni muri perimetrali e varie abitazioni danneggiate dagli eventi tellurici divennero causa di assoluto pregiudizio per l’incolumità pubblica. I proprietari di muri e abitazioni in questione non ritennero di intervenire per rimuovere le situazioni di rischio: da qui la necessità di procedere in loro danno, attraverso l’intervento eseguito dal settore Protezione civile e curato dal dirigente, Giuseppe Torrisi, dall’iter più lungo e complesso.

“Alla fine, comunque, l’amministrazione comunale è riuscita a riaprire via Cefalù – ha osservato l’assessore alla Polizia municipale, Mario Di Prima – una strada che, a differenza delle dimensioni anguste, riesce ad assolvere ad una notevole mole di traffico, posto che risulta essere collegamento privilegiato per chi si dirige su viale Colombo e su Acireale in genere provenendo dai centri a monte”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento